SwissCovid: 5 cose da sapere sull’app di tracciamento

Grazie all’app si possono interrompere le catene di infezione. Più persone la utilizzano, maggiore è la sua efficacia. Ecco cosa bisogna sapere.

16.07.2020

Nicole Koch

Il lockdown è terminato: negli scorsi mesi e nelle scorse settimane la Svizzera ha progressivamente allentato i provvedimenti per il contenimento del coronavirus. Le persone sono di nuovo più libere di partecipare alla vita sociale. Il monitoraggio delle infezioni acquista quindi ancora più importanza. Solo potendo individuare coloro che sono stati in contatto con una persona infetta sarà possibile evitare altre ondate future.  

A tal fine, in Svizzera si utilizza l’app di tracciamento SwissCovid. Uno studio di Sotomo commissionato dalla Confederazione ha rivelato la presenza di alcuni dubbi relativi a diversi aspetti dell’app. 

L’app di tracciamento SwissCovid Studio di Sotomo

Abbiamo quindi deciso di riassumere le cinque cose più importanti riguardo all’app:

5 cose da sapere sull’app

  • L’installazione dell’app è facoltativa. 
  • I dati acquisiti vengono salvati solo a livello locale sullo smartphone e non su un computer centrale della Confederazione. 
  • Non vengono acquisiti dati di posizione o GPS.  
  • Solo voi avete accesso ai vostri dati personali. 
  • L’app di tracciamento non limita alcuna libertà. Al contrario, se incontra un ampio consenso, permette alla popolazione di muoversi con più normalità nella vita di tutti i giorni. 

Cosa devo fare in caso di contagio o di segnalazione?

Se risultate positivi al test sul coronavirus, ricevete un codice Covid (codice di attivazione) dalle autorità cantonali, con il quale potete attivare la funzione di segnalazione nell’app. A questo punto, l’app avverte gli utenti con cui siete stati in contatto per più di 15 minuti a una distanza inferiore ai 2 metri. Naturalmente, l’app non è in grado di riconoscere se le persone indossassero una mascherina o se tra voi e gli altri si trovasse un pannello in plexiglas. I muri (tra voi e i vostri vicini) vengono invece «filtrati» piuttosto efficacemente.

Se l’app vi informa che potreste essere stati contagiati, procedete nel modo seguente:

  • Chiamate l’infoline SwissCovid, il cui numero è indicato nell’app insieme alla segnalazione. Riceverete le risposte a tutte le domande importanti, come per esempio se dovete continuare ad andare al lavoro.
  • Proteggete i vostri cari evitando il più possibile i contatti con altre persone nei 10 giorni successivi al potenziale contagio.

Parole chiave