Panoramica

Coronavirus: i fatti principali in breve.

La situazione cambia costantemente. Cosa devo sapere e a chi mi posso rivolgere? Risposte a domande scottanti.

Ho difficoltà finanziarie a causa del coronavirus. Helsana può venirmi incontro?

Se al momento attuale ha problemi a effettuare i suoi pagamenti a Helsana, ci contatti. Può rivolgersi al suo team di consulenza personale. Il numero di telefono è indicato sulla polizza e sul conteggio delle prestazioni o alla voce Contatto. Può contattarci in modo semplice e sicuro anche tramite il portale per i clienti myHelsana. Troveremo insieme una soluzione individuale.

Mi sento in salute. Perché devo rinunciare ai miei hobby?

Anche chi ha solo sintomi leggeri o (ancora) nessun sintomo può essere contagioso e trasmettere il virus. In caso di diffusione incontrollata, aumenta drasticamente anche il fabbisogno di letti negli ospedali, con conseguente sovraccarico del sistema sanitario. Per solidarietà con le persone vulnerabili e malate di ogni età, siamo tutti chiamati ad attuare le raccomandazioni dell’UFSP e a limitare, ove possibile, i contatti sociali. In questo modo possiamo rallentare l’epidemia e garantire che tutti i malati, giovani e anziani, ricevano in ogni momento l’assistenza medica necessaria.
Non so se sono particolarmente a rischio. Devo continuare ad andare al lavoro?

Sono particolarmente a rischio le persone a partire dai 65 anni e quelle che soffrono delle seguenti malattie preesistenti:

  • ipertensione
  • malattie croniche delle vie respiratorie
  • diabete
  • patologie e terapie che sopprimono il sistema immunitario
  • malattie cardiovascolari
  • cancro

In questi casi restate a casa.

Posso ancora fruire di trattamenti di medicina complementare?

Il Consiglio federale ha deciso in data 16 marzo 2020 che sarà possibile continuare a effettuare tutti i trattamenti terapeutici urgenti. Per i trattamenti di medicina complementare necessari dal profilo medico continueremo ad assumerci, se si dispone della copertura assicurativa corrispondente, il 75% dei costi per trattamenti ambulatoriali. La condizione da soddisfare è che le misure terapeutiche e la persona che le effettua devono essere riconosciute da noi.

Possono effettuare questi trattamenti: strutture sanitarie come ospedali, cliniche e studi medici nonchè studi e strutture di specialisti sanitari secondo il diritto federale e il diritto cantonale. Il vostro specialista deve chiarire con le autorità cantonali se è autorizzato a effettuare trattamenti di medicina complementare.
Mi servono medicamenti ma non voglio andare in farmacia. Che cosa posso fare?

Può ordinare i suoi medicamenti presso una delle farmacie nostre partner. I medicamenti prescritti dal medico le verranno spediti a casa e fatturati direttamente a Helsana. Trova le homepage con i dati di contatto delle nostre quattro farmacie con vendita per corrispondenza tra le nostre aziende partner.

L’assicurazione malattia copre il test del coronavirus?

Sì, l’assicurazione di base copre i costi per il test Covid-19, a condizione che il test sia giustificato dal profilo medico, come nel caso dei pazienti con sintomi gravi o con un elevato rischio di complicazioni. La partecipazione ai costi (franchigia e aliquota percentuale) rimane dovuta come per qualsiasi altra malattia.

Data la limitata disponibilità di test, l’UFSP ha deciso per il momento di non consentire test se non in presenza dei criteri dell’UFSP (tra cui i sintomi gravi o l’elevato rischio di complicazioni).

Tuttavia, il nostro partner di telemedicina Medi24 offre un coronacheck digitale all’indirizzo https://www.medi24.ch/it/coronacheck. L’elevato numero di richieste può prolungare i tempi di attesa. Consigliamo di provare nelle fasce orarie meno frequentate e di usare la versione più aggiornata del browser.

C’è il rischio che alcuni medicamenti scarseggino. Qual è il comportamento corretto da adottare?

Il medico o il farmacista possono fornirvi informazioni in merito a eventuali difficoltà di consegna del vostro medicamento. In tal caso, il farmacista, d’intesa con il medico curante, decide se il medicamento può essere sostituito con un altro contenente lo stesso principio attivo o un principio attivo della stessa classe. Attenzione: i costi dei medicamenti sono assunti dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie solo nell’ambito dei dosaggi necessari dal profilo medico e delle quantità di consegna opportune per la terapia.

Ho letto che un medicamento che sto assumendo influisce negativamente sul decorso della malattia. Devo sospenderne l’assunzione?

No, non interrompete medicamenti prescritti dal medico di vostra iniziativa. In caso di dubbio contattate il vostro medico telefonicamente.
Temo di esser stato contagiato. Posso recarmi dal mio medico di famiglia per un controllo?

No, in questo caso non si deve andare in ambulatorio, per evitare di contagiare altre persone. Se avete i sintomi di un’infezione respiratoria acuta con febbre e tosse e le vostre condizioni generali lo permettono, rimanete a casa finché i sintomi persistono e per altre 24 ore dopo la loro scomparsa (auto-isolamento).

Chiamate il vostro medico in caso di:

  • elevato rischio di complicazioni (persone particolarmente a rischio)
  • affanno (dispnea)
  • peggioramento dei sintomi respiratori

Informazioni dettagliate sul comportamento corretto e risposte ad altre domande sono disponibili sul sito web dell’UFSP. Il relativo link è riportato sotto.

Ho avuto contatti ravvicinati con una persona affetta dal nuovo coronavirus (confermato dal medico). Che cosa devo fare?

Rimanere a casa per 5 giorni dalla diagnosi del caso confermato ed evitare qualsiasi contatto con altre persone (auto-quarantena).

Informazioni dettagliate sul comportamento corretto e risposte ad altre domande sono disponibili sul sito web dell’UFSP. Il relativo link è riportato sotto.

A cosa devo fare attenzione se mi reco all’estero?

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) pubblica le raccomandazioni per i viaggiatori,

costantemente aggiornate, in merito al comportamento da osservare all’estero e alle eventuali misure da adottare dopo il rientro in Svizzera. Ricordiamo che vari Paesi hanno imposto restrizioni e divieti d’ingresso nel loro territorio.

Inoltre l’UFSP raccomanda di non utilizzare al momento, se possibile, i mezzi di trasporto pubblici.

Le disposizioni delle nostre assicurazioni integrative prevedono determinate prestazioni applicabili ai viaggi in relazione al coronavirus.

  • Non è assicurato l’annullamento delle spese di hotel e di viaggio, ad esempio prima della partenza per un paese a rischio.
  • Le spese mediche e ospedaliere sono coperte secondo le consuete disposizioni delle assicurazioni di base e integrative TOP/OMNIA/COMPLETA/HOSPITAL/WORLD.
  • I rientri anticipati a seguito di un’epidemia sono coperti dalle assicurazioni integrative TOP/OMNIA e COMPLETA fino a CHF 500.00. Il rientro deve avvenire da un paese in cui è diffuso il coronavirus. Questo contributo non è previsto dall’assicurazione integrativa WORLD.
  • Non rientrano nella copertura assicurativa i prolungamenti dei soggiorni alberghieri e le spese di modifica delle prenotazioni dei viaggi a seguito di una quarantena all’estero.
  • Se il mezzo di trasporto pubblico prenotato o utilizzato per il viaggio è soppresso e di conseguenza non è possibile proseguire il viaggio come da programma, l’assicurazione integrativa WORLD organizza a proprio carico il viaggio di ritorno extra o la continuazione ritardata del viaggio della persona assicurata. I costi dovuti a guasti o incidenti di veicoli privati o a modifiche o interruzioni del programma di viaggio da parte dell’organizzatore non sono assicurati.
  • I rimpatri nel paese di domicilio necessari dal profilo medico sono coperti dalle assicurazioni integrative TOP/OMNIA/COMPLETA/HOSPITAL/WORLD*.

*ATTENZIONE: in caso di infezione da coronavirus, il viaggio di rientro in Svizzera può essere organizzato solo dopo la completa guarigione. Se l’assistenza medica all’estero non è sufficiente, i nostri clienti vengono trasferiti al più vicino ospedale dotato di un’infrastruttura appropriata. Nel caso di persone gravemente malate, viene valutato anche il rimpatrio in Svizzera. Tuttavia, a questo proposito si applicano le disposizioni di entrata e uscita dei rispettivi paesi. Il trasporto di rientro può essere effettuato solo dopo una quarantena di due settimane all’estero. Attualmente i trasporti sono effettuati solo dalla REGA, il che comporta difficoltà e lunghi tempi d’attesa.

Come si trasmette il coronavirus?

La trasmissione avviene principalmente attraverso l’infezione da goccioline. Quando si starnutisce o si tossisce, i propri virus raggiungono direttamente le mucose del naso, della bocca e degli occhi di altre persone. Di solito è necessario uno stretto contatto con persone infette. Ciò significa a meno di 2 metri di distanza per almeno 15 minuti.

I virus espulsi sopravvivono anche per alcune ore in minuscole goccioline, ad esempio sulle mani o sulle maniglie, e penetrano nelle mucose quando si portano le mani al viso.

Quanto tempo passa tra il contagio e l’insorgenza della malattia?

I primi sintomi di infezione da coronavirus compaiono di solito dopo 3-7 giorni, ma in alcuni casi possono volerci fino a 14 giorni.

Come posso proteggermi dal virus?
  • Lavatevi le mani spesso e a fondo.
  • Starnutite o tossite in un fazzoletto o nella piega del gomito. Gettate via il fazzoletto immediatamente dopo l’uso.
  • Fate attenzione a non toccarvi il viso con le mani.
  • In caso di febbre e tosse restate a casa.
  • Mantenete la distanza.
  • Non stringetevi la mano.
  • Prima di andare dal medico o al pronto soccorso, avvertite sempre telefonicamente.

Informazioni dettagliate sul comportamento corretto e risposte ad altre domande sono disponibili sul sito web dell’UFSP. Il relativo link è riportato sotto.

Quali sintomi provoca il coronavirus?

I sintomi più frequenti sono febbre, tosse e disturbi respiratori. Nella maggior parte dei casi la malattia ha un decorso lieve, in alcune persone addirittura senza sintomi.

Può avere un decorso grave prevalentemente nelle persone anziane e nelle persone con malattie pregresse croniche come ipertensione arteriosa, malattie cardiache e polmonari, diabete o malattie del sistema immunitario. Nel caso di un decorso grave, dopo circa una settimana si può manifestare un senso di affanno e, nel peggiore dei casi, polmonite con insufficienza respiratoria e coinvolgimento di altri sistemi di organi.

Come si cura la malattia causata dal coronavirus?

Le opzioni terapeutiche sono attualmente limitate al trattamento e all’attenuazione dei sintomi. In caso di disturbi lievi con una durata inferiore a sette giorni, è sufficiente un trattamento simile a quello di una semplice influenza: riposare, bere molti liquidi e, se necessario, abbassare la febbre.

Le informazioni sono fornite dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e dall’Istituto Robert Koch.

Esclusione della responsabilità

Le informazioni qui fornite su tematiche della salute sono indicazioni di carattere generale e hanno uno scopo puramente informativo. Esse non sostituiscono la consulenza medica. In caso di problemi di salute si raccomanda in ogni caso di rivolgersi a un medico o a personale medico specializzato.

I miei contatti

Consulenza medica

Per le domande sul trattamento medico in caso di sospetta infezione da coronavirus, è competente il vostro medico curante.

Il personale medico specializzato di Medi24 aiuta i nostri clienti 24 ore su 24 anche in caso di domande sulla salute, fornendo consigli concreti. Un servizio competente, indipendente e gratuito per tutti i clienti di Helsana.
Telefono 0800 100 008

 

Copertura assicurativa e assistenza in Svizzera e all’estero

Per le domande sulla copertura assicurativa in Svizzera potete rivolgervi al nostro Servizio clienti. 
Telefono 0844 80 81 82

Per le domande sulla copertura assicurativa all’estero, contattate il nostro Servizio clienti Internazionale.
Telefono +41 58 340 18 80

In caso di clienti già ospedalizzati all’estero o che lo saranno prossimamente e per i casi di rientro anticipato e rimpatrio nel paese di domicilio, potete rivolgervi 24 ore su 24 alla nostra centrale per le chiamate d’emergenza.
Telefono +41 58 340 16 11

 

Assistenza psicologica immediata

Per ricevere sostegno psicologico in situazioni di emergenza finanziaria o sociale, contattate l’assistenza psicologica immediata gratuita.
Telefono +41 58 340 16 11

 

Infoline coronavirus dell’UFSP

L’infoline coronavirus dell’UFSP è raggiungibile 24 ore su 24.
Telefono +41 58 463 00 00 

Informazioni importanti e continuamente aggiornate sono disponibili anche sul sito web dell’UFSP .

Pubblicazione: 28.02.2020 / Aggiornamento: 31.03.2020

Parole chiave

Come proteggersi dall’influenza

Presto potrebbe arrivare la prossima ondata di influenza. Con questi consigli vi proteggete dal contagio.

Fatti e consigli sul coronavirus

10 Articolo