Cure geriatriche a domicilio: finché si può

I disturbi di salute nella terza età non devono necessariamente comportare la rinuncia a una vita indipendente. I familiari possono occuparsi personalmente delle prestazioni di cura semplici. In più ci sono diverse organizzazioni con offerte per la cura a domicilio. La scelta giusta può essere il trasloco in un appartamento più piccolo o l’ingresso in una comunità di inquilini per persone anziane. Da valutare c’è anche la questione dei costi. Le variabili principali sono il finanziamento delle prestazioni di cura e i desideri individuali della persona che necessita di cure.

13.02.2017

Chi non vorrebbe vivere in piena autonomia fino in età avanzata? Al giorno d'oggi molti anziani riescono ad esaudire questo desiderio grazie alle cure a domicilio di Spitex, Pro Senectute o altre organizzazioni del settore nonché al sostegno di famiglia e amici. Anche i nuovi mezzi ausiliari, come cucine dall'uso semplificato o sistemi automatici per le chiamate d'emergenza, consentono a queste persone di vivere a lungo nell'ambiente che è loro familiare nonostante le limitazioni.

La casa è diventata troppo grande per la mamma? Attività come salire le scale o fare giardinaggio sono per lei faticose? Potrebbe ad esempio trasferirsi in una casa che, richiedendo poca manutenzione, le consentirebbe di vivere in modo autosufficiente avvalendosi di prestazioni di cura e assistenza soltanto quando è necessario. Oggi gli anziani possono però scegliere anche molti altri modelli abitativi, come ad esempio comunità di coetanei che condividono le stesse scelte, appartamenti su misura per loro vicino a case di cura oppure residenze assistite, che associano la vita in un'abitazione privata a prestazioni di servizi e assistenza. La invitiamo a discutere con sua madre la forma abitativa che meglio risponderebbe ai suoi desideri e alle sue esigenze.

Cure prestate dai familiari

Se la mamma preferisce restare tra le proprie quattro mura, in tal caso è particolarmente importante instaurare una buona rete di relazioni. Le consigliamo di valutare assieme a sua madre come intende e può organizzarsi e per quali attività le farebbe piacere ricevere il suo aiuto. Cercate insieme chi potrebbe darvi una mano dall'esterno. Organizzi ad esempio un aiuto domiciliare e chieda ai vicini se potrebbero svolgere piccoli servizi. S'informi sull'esistenza di associazioni tra anziani (ad es. «Senioren für Senioren») nelle vicinanze e verifichi l'offerta di organizzazioni come Spitex, Pro Senectute o istituti analoghi.

Procura

Conferite a una persona che vi è vicina la procura per chiarimenti con la vostra assicurazione malattia.

Movimento, alimentazione e contatti

Con ogni probabilità la mamma vorrà continuare a vivere il più a lungo possibile tra le proprie quattro mura. Un'alimentazione bilanciata è essenziale per restare in forma. Se non se la sente più di cucinare ogni giorno, può ordinare un servizio pasti che viene svolto da vari istituti. Le parrocchie offrono delle mense in cui è facile stringere dei contatti nuovi. Anche frequentare il ristorante di un residence per anziani o di una casa di cura permette di variare le proprie giornate. La mamma deve essere incoraggiata a muoversi. Magari è disposta a frequentare ad esempio un corso di ritmica o di yoga per anziani.

Quali spese comportano le cure a domicilio?

Le spese per le cure a domicilio variano a seconda del singolo caso. Dipendono non solo dalle prestazioni necessarie, ma anche dai desideri personali di comfort e servizi. Bisogna considerare che la persona bisognosa di cure dovrà sostenere per intero i costi di servizi come assistenza, consegna dei pasti o aiuto domiciliare. L'assicurazione di base si assume unicamente i contributi per determinate prestazioni di cura prescritte dal medico. La legge prevede una partecipazione alle spese fino a un massimo di 15.95 franchi.

Chi paga le spese di cura?

Il finanziamento di cure e assistenza di lunga durata proviene sostanzialmente da tre fonti: dai contributi dell’assicurazione malattia, dagli enti pubblici e – per quanto le condizioni economiche lo consentano – dalla persona bisognosa di cure.

In presenza di determinati presupposti, i genitori possono richiedere un assegno per grandi invalidi, prestazioni complementari dell'AVS o eventualmente l'assistenza sociale.

Maggiori informazioni

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter: