Panoramica

Vaccinazione contro l'influenza per adulti e anziani

La popolazione svizzera è tutt’altro che unanime sul tema delle vaccinazioni. In Svizzera, infatti, quello delle vaccinazioni è un argomento molto controverso. Noi vi forniamo le informazioni, ma sarete voi a decidere se sottoporvi a vaccinazioni e, se sì, a quali.

In Svizzera è in corso un acceso dibattito sulle vaccinazioni. Una delle quote di vaccinazione contro il morbillo più basse al mondo dimostra che la popolazione svizzera è tutt’altro che unanime. Vaccinarsi, sì o no: questa non è solo una questione di principio. È una domanda che ci si pone a ogni vaccinazione, per i propri figli e per se stessi. In più va aggiunto che l’offerta di vaccini è sempre più grande: lo dimostrano i vaccini annuali contro l’influenza, la trivalente contro morbillo, parotite e rosolia o il richiamo contro la pertosse. Quale vaccinazione è davvero necessaria? Noi vi forniamo le informazioni, ma sarete voi a decidere se sottoporvi a vaccinazioni e, nel caso, a quali.

Grippeimfpung

Il virus dell’influenza si trasmette tramite goccioline rilasciate starnutendo o tossendo, attraverso l’aria, oppure toccando oggetti contaminati, come ad esempio le maniglie delle porte.

Ma con le misure di prevenzione giuste l’influenza può essere evitata: con misure igieniche (ad es. lavarsi regolarmente le mani) ed evitando contatti ravvicinati con persone che presentano i sintomi d’influenza è possibile ridurre il rischio di contagio. In più, un’alimentazione sana e l’attività sportiva possono ripercuotersi positivamente sul sistema immunitario, riducendo il rischio di infezione individuale.

L’Harding Center for Risk Literacy dell’Istituto Max Planck di sviluppo umano ha riassunto vantaggi e danni potenziali dei vaccini antinfluenzali sulla base di studi scientifici e ha sviluppato modellazioni:


Ogni 1000 persone vaccinate (colonna blu), tra 3 e 125 persone hanno sofferto di un’influenza causata dal virus dell’influenza entro massimo un anno, mentre . tra 77 e 313 persone hanno sofferto di una malattia simil-influenzale. Tra i non vaccinati, invece, su 1000 persone (colonna rossa) tra 13 e 125 hanno sofferto di un’influenza causata dal virus dell’influenza, mentre tra 94 e 377 persone hanno sofferto di una malattia simil-influenzale. Il numero di persone che ha visitato un medico a causa di una malattia delle vie respiratorie è risultato uguale tra vaccinati e non vaccinati.

L’Harding-Center for Risk Literacy ha analizzato vantaggi e danni potenziali dei vaccini antinfluenzali anche sugli anziani:


Ogni 1000 anziani non vaccinati (colonna rossa), tra 39 e 98 persone hanno sofferto di malattie simil-influenzali in un anno. Tra 4 e 17 persone sono state ricoverate in ospedale a causa di un’infezione influenzale o una polmonite. Tra 1 e 22 anziani non vaccinati hanno perso la vita.

Ogni 1000 anziani vaccinati (colonna blu), tra 21 e 84 persone hanno sofferto di malattie simil-influenzali nel corso di un anno. Tra 3 e 13 persone sono state ricoverate in ospedale a causa di un’infezione influenzale o una polmonite. Tra 5 e 14 anziani vaccinati hanno perso la vita.

Parole chiave

Prossimi articoli

Con l’adeguamento il Consiglio federale vuole risparmiare 700 milioni

L’adeguamento del Tarmed del Consigliere federale Berset dovrebbe aumentare la trasparenza e ridurre incentivi sbagliati. È la strada giusta?

Diagnosi precoce del cancro al seno con lo screening mammografico

Test salvavita, sì o no? Informatevi in maniera veloce e chiara sull’utilità e i rischi del test PSA per la diagnosi precoce del cancro della prostata.

Articoli simili

Protezione preventiva con le vaccinazioni

Vaccinarsi contro le malattie virali gravi è una misura preventiva riconosciuta e utile. La vaccinazione è raccomandata soprattutto ai bambini.

Protezione vaccinale per bebè e bambini

Le vaccinazioni di base contro le malattie infantili sono efficaci da decenni. Una consulenza medica competente aiuta a prendere le decisioni.

Vaccinazione contro il morbillo, la parotite e la rosolia

Vaccinarsi, sì o no? Morbillo, parotite e rosolia sono malattie infettive virali altamente contagiose.

Vaccinazione contro la pertosse

Vaccinarsi, sì o no? La pertosse è una malattia infettiva virale altamente contagiosa che può avere addirittura esito letale soprattutto per i neonati.