Quanto sono a rischio di diabete?

Nelle famiglie in cui è presente il diabete, le generazioni successive hanno un rischio elevato di soffrirne. Il diabete, però, è legato anche allo stile di vita. Sovrappeso e scarsa attività fisica sono fattori di rischio da non sottovalutare. Un ruolo importante è svolto dall’alimentazione. Meno zuccheri e grassi assumiamo, più è basso il rischio di diabete. È consigliabile anche tenere sotto controllo la pressione sanguigna.

13.02.2017

Il rischio di diabete non deve essere sottovalutato: in Svizzera circa 320 000 persone soffrono di diabete mellito. Se pensate di avere una predisposizione a questa malattia e quindi di essere a rischio, vi raccomandiamo di fare accertamenti.

Che cosa si intende con diabete?

Il diabete è una malattia cronica del metabolismo indotta da valori glicemici nel sangue troppo elevati. Il livello di glicemia nel sangue è regolato dall'ormone insulina, che a sua volta è prodotta dalla ghiandola pancreatica. Negli individui sani, il pancreas produce costantemente tanta insulina quanto basta a regolare il livello della glicemia nel sangue.

Il rischio di diabete è acuto quando l'insulina è insufficiente oppure nel caso in cui l'organismo non riesca ad elaborare quella prodotta. Il diabete può avere conseguenze gravi. Se non trattata, questa malattia può infatti causare disturbi visivi, malattie vascolari con insufficiente apporto sanguigno agli arti, danni ai reni oppure rischio elevato di ictus cerebrale o infarto cardiaco.v

Se manca l'insulina si parla di diabete di tipo 1, ovvero di diabete mellito insulino-dipendente, che in questa forma è una malattia autoimmune. In altre parole, il sistema immunitario dell'organismo distrugge le cellule pancreatiche addette alla produzione di insulina, e di conseguenza la persona colpita dovrà iniettarsi l'insulina per tutta la vita. Circa il 10% dei diabetici ha questa forma di diabete di tipo 1, che in genere si manifesta prima dei 40 anni, molto spesso già durante l'infanzia o l'adolescenza. Il diabete di tipo 1 è la forma più diffusa di malattia metabolica dello zucchero nelle persone fino ai 25 anni.

Circa il 90% dei diabetici è colpito dal diabete di tipo 2, che è sostanzialmente diventata una malattia sociale. Più o meno un terzo di queste persone non è neppure consapevole di essere malato e pertanto non corre ai ripari, tant'è che in media tra l'insorgere della malattia e la diagnosi trascorrono 7 anni: una perdita di tempo prezioso, che invece potrebbe essere ben utilizzato per gestire il diabete nella vita quotidiana e definire la terapia farmacologica individuale.

Avete un rischio particolarmente alto di ammalarvi di diabete?

La predisposizione al diabete aumenta se questa malattia ha già colpito i familiari. Oltre a ciò, vi è tutta una serie di altri fattori di rischio. Fanno parte del gruppo a rischio di diabete di tipo 2 le persone che hanno una combinazione di fattori, ad esempio:

  • età superiore ai 45 anni;
  • sovrappeso (BMI tra 25 e 30)
  • circonferenza addominale superiore agli 80 cm nelle donne e a 94 cm negli uomini (si misura sopra l'ombelico);
  • poco movimento, vale a dire meno di 30 minuti di attività fisica giornaliera con una frequenza respiratoria accelerata.

Perché nella società moderna aumenta il rischio di diabete?

Tra le cause principali del significativo aumento del rischio di diabete è l'alimentazione errata: si consumano sempre più prodotti alimentari preconfezionati, dei quali spesso non si conosce la composizione e che quasi sempre contengono troppi zuccheri e grassi.

Un altro motivo principale per l'aumento del rischio di diabete è la mancanza di movimento: in passato, per forza di cose le persone si spostavano di più a piedi e svolgevano più lavori fisici. Oggi il progresso tecnologico fa sì che in generale ci muoviamo meno.

In che modo è possibile ridurre il rischio di diabete e prevenire il diabete mellito?

Raccomandiamo di adottare un'alimentazione equilibrata e sana. Tenete il peso corporeo sotto controllo. Fate in modo da praticare molto movimento e concedetevi anche momenti di relax.

Testate il vostro rischio di diabete

Sul suo sito, l'Associazione Svizzera per il Diabete propone un semplice test per verificare il rischio di diabete. Bastano 2-3 minuti per rispondere alle domande. Ripetete il test ogni 3 - 5 anni.

Test per verificare il rischio

Maggiori informazioni

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter: