Consigli pratici per aumentare la resilienza

La resilienza definisce la forza interiore. Scoprite quanta ne avete e quali consigli ed esercizi seguire per rafforzarla.

04.01.2021

Lara Brunner

Ognuno di noi ha vissuto situazioni stressanti e ha conosciuto tempi difficili. Ma mentre alcuni crollano, altri escono ancora più forti da una crisi. Come mai? Quando le cose si fanno difficili, è necessario ricorrere alla propria forza interiore: una qualità nota anche come resilienza. Ogni persona ha un certo grado di resilienza, che può rafforzare in modo mirato. A tale scopo occorrono pazienza, determinazione e concentrazione. Non mollate e rafforzate con i nostri consigli il sistema immunitario psicologico, la protezione migliore per la salute dalla testa ai piedi.

Acquisire più attenzione consapevole con Helsana Coach

Con semplici esercizi di attenzione consapevole migliorerete il vostro benessere. Nell’app Helsana Coach troverete consigli ed esercizi per accrescere la motivazione, la concentrazione e il rilassamento. 

Cosa significa «resilienza»?

Il termine deriva originariamente dalla scienza dei materiali e indica la capacità di un materiale di essere deformato e di ritornare alla sua forma originale. In psicologia, essere resilienti significa affrontare le sfide con forza interiore e flessibilità, non solo mantenendo intatta la propria salute fisica e mentale, ma crescendo con le avversità.

Come ci aiuta la resilienza?

In un mondo in costante evoluzione, cambiamenti e situazioni difficili sono all’ordine del giorno. Le persone resilienti si adeguano a condizioni nuove con meno difficoltà. Questa capacità incide sul nostro benessere complessivo: Diminuisce la tensione e diminuiscono le reazioni fisiche a situazioni di stress psicologico. La resilienza aiuta inoltre ad avere agilità di pensiero e di azione. In questo modo si riducono le paure e si individuano più chiaramente nuove possibilità di azione: le persone resilienti sono generalmente più aperte ai cambiamenti nella vita privata e professionale.  

Superare la crisi del coronavirus con la resilienza

La situazione attuale sconvolge i nostri equilibri. L’isolamento e le emozioni negative, come paure e preoccupazioni, acuiscono la sofferenza psicologica, con possibili ripercussioni negative sul benessere.   Pertanto, è bene che vi prendiate consapevolmente del tempo per rafforzare la vostra resilienza al fine di gestire meglio questa situazione di stress mentale.

Primo soccorso in situazioni di stress

Cercate di ritrovare il vostro equilibrio interiore. Potete riuscirci affrontando le vostre emozioni e provando ad accettarle. Infatti, quando opponiamo una resistenza interna alcune aree del nostro cervello non contribuiscono più alla ricerca costruttiva delle soluzioni. L’attuale situazione di stress si può cambiare? Esistono anche situazioni di stress esterne, create dalla società, che di fatto non possono essere cambiate dall’individuo. Concentratevi perciò sui fattori di stress interiori. Cercate di cogliere i risvolti positivi di una situazione difficile e immaginare quale comportamento potrebbe aiutarvi a sfruttarla a vostro favore. Agite con la consapevolezza che tutto passa - anche questa sfida.

Come alleno la mia resilienza?

Con i seguenti consigli ed esercizi è possibile sviluppare e rafforzare le 7 competenze chiave della resilienza:

L'accettazione è la capacità di accettare la realtà senza desiderare di cambiarla e senza rimanere intrappolati in esperienze passate o presenti.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • Mi concentro coerentemente sulle possibili soluzioni e non spreco le mie energie lamentandomi di cose che non posso cambiare.
  • Accetto che le pressioni, le sconfitte, i conflitti, le disgrazie e le sofferenze fanno parte della vita.

Esercizio: cominciate accettando voi stessi. Pensate a ciò che non vi piace di voi stessi. Possono essere caratteristiche fisiche o schemi comportamentali. Quali di questi punti potete accettare? Concedetevi di essere imperfetti e accettate le vostre debolezze. L'attenzione consapevole vi aiuta a raggiungere i vostri obiettivi di accettazione. Nell'app Helsana Coach trovate diversi esercizi utili sull'attenzione consapevole.  

Avere un atteggiamento interiore positivo significa guardare il mondo, le cose, le persone e se stessi in modo benevolo.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • Posso vedere il buono in ogni situazione e trarre il meglio da tutto.
  • Sono fiducioso per il mio futuro.

Esercizio: riconoscimento e gratitudine aumentano la resilienza. Tenete un diario della gratitudine. In questo modo, ogni giorno vi concentrerete consapevolmente sulle cose positive della vostra vita e darete loro più spazio. Ogni mattina, scrivete tre cose per cui siete grati e ogni sera tre esperienze o incontri che vi hanno fatto particolarmente piacere. 

Autoefficacia significa essere convinti delle proprie competenze ed essere in grado di esercitare un'influenza.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • I problemi sono sfide e credo di essere in grado di portare a termine tutto ciò che mi sono prefissato.
  • Mi piace provare qualcosa di nuovo, anche se all'inizio sembra difficile.

Esercizio: chi conosce i propri punti di forza li usa e li allena, acquisisce sempre più fiducia nelle proprie capacità e sperimenta in tal modo l'autoefficacia. Prendete nota dei vostri punti di forza e concentratevi su di essi quando siete incerti: in cosa sono bravo? che cosa mi caratterizza? In alternativa, potete anche chiedere agli amici cosa apprezzano di voi in particolare.

La buona cooperazione è la capacità di costruire, mantenere e coltivare relazioni fortificanti all'interno del proprio ambiente.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • Mi fido degli altri e conto sul loro sostegno.
  • Ho una rete di contatti, dove le persone si aiutano a vicenda con le parole e con i fatti.

Esercizio: i vostri contatti sociali (famiglia, cerchia di amici, colleghi di lavoro, associazioni, ecc.) sono un'importante fonte per la forza interiore. Analizzate la vostra rete e annotate tutte le persone su cui potete contare. Con chi condivido gioie e dolori? Chi mi dà sostegno ed energia? Curate attivamente questi rapporti: attraverso l'ascolto consapevole e l'empatia li rafforzate ulteriormente.

Assumere la responsabilità significa riconoscere il proprio ruolo in situazioni ed eventi.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • Abbandono il ruolo di vittima e mi assumo la responsabilità di ciò che vivo e sento.
  •  Accetto i miei punti di forza e le mie debolezze e rispetto i miei bisogni e i miei limiti.

Esercizio: riflettete regolarmente sul vostro comportamento e sulle vostre azioni e cercate di non dare sempre la colpa solo agli altri. Guardate una situazione difficile da un punto di vista diverso e cercate di imparare da ogni sfida. Comunicate i vostri limiti e osservate come ci si sente a dire di no. 

Essere orientati alla soluzione significa scegliere l'opzione che fa bene e che vi aiuterà ad andare avanti.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • Affronto le cose invece di rimanere passivo e intrappolato in pensieri negativi.
  • Trovo e utilizzo ogni possibile spazio di manovra, non importa quanto piccolo.

Esercizio: anche in condizioni immutabili, ci sono sempre dei fattori che possono essere influenzati. Fosse anche solo il modo in cui si guarda a una situazione. Concentrate la vostra attenzione in modo coerente sul vostro campo d'azione. Trovate soluzioni e concentratevi sulle cose che funzionano bene invece di analizzare i problemi e le loro cause.

L'orientamento al futuro presuppone la capacità di resistere agli stimoli a breve termine a favore di obiettivi a più lungo termine.

Pensieri utili per migliorare la propria qualità di vita sono ad esempio:

  • Mi pongo obiettivi chiari e realistici e pianifico il mio futuro di conseguenza.
  • I miei obiettivi mi motivano così fortemente che non li perdo mai di vista nemmeno quando ci sono difficoltà.

Esercizio: analizzate consapevolmente i vostri obiettivi a breve, medio e lungo termine. I vostri obiettivi dovrebbero essere SMART (S = specifici, M = misurabili, A = accettati, R = realistici, T = tempestivi). Cosa voglio ottenere? Qual è il mio futuro ideale? Per poter reagire in modo adeguato – e quindi resiliente – alla situazione, sono necessari obiettivi a medio termine per l'orientamento.

Quanto sono resiliente?

Siete già dei professionisti della resilienza o avete ancora margini di miglioramento? Fate l'autotest.

Evelyne Dürr, esperta di salute Evelyne Dürr, esperta di salute

Evelyne Dürr, esperta di salute

Evelyne Dürr (MSc Scienze del movimento ETH, CAS Promozione della salute in azienda) lavora presso Helsana dal 2014. Specialista Management sanitario, lavora nel campo della prevenzione e della promozione della salute per i clienti. Evelyne Dürr ha consigliato e affiancato il team di redazione nella stesura del presente articolo.

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter:

Dies ist ein Pflichtfeld
Dies ist ein Pflichtfeld
Dies ist ein Pflichtfeld
Muss eine Email sein

Grazie della registrazione.

Le abbiamo appena inviato un’e-mail con un link di conferma su cui cliccare per concludere la registrazione.