Rimedi per gambe pesanti e problemi venosi

Sono proprio le donne a lamentare gambe pesanti e doloranti e piedi gonfi con il caldo estivo. Per evitare la stasi venosa nelle gambe e riacquistare leggerezza c’è la medicina complementare.

20.06.2017

Lara Brunner

Perché in estate le gambe sembrano così pesanti e stanche, a volte quasi doloranti? Si tratta di un disturbo causato dal caldo che fa dilatare le pareti venose per irrorare meglio la pelle e ottimizzare lo scambio di calore. Questa funzione di autoregolazione comporta però anche degli svantaggi: le vene sono dotate di valvole speciali che prevengono il ritorno del sangue ai piedi. Se i vasi sanguigni si dilatano, può capitare che queste valvole non funzionino bene e che la circolazione rallenti. Ed ecco spiegato il senso di fiacchezza.

A favorire ulteriormente il problema delle gambe pesanti in estate è anche la grande perdita di liquidi che l’organismo affronta se la temperatura è elevata: il sangue si fa viscoso e il flusso rallenta. Anche questa può essere dunque una causa di stasi venosa e di fastidio. Il calore intensifica il ritorno del sangue al cuore.

Rimedi della medicina complementare per le gambe pesanti

Si tratta di un semplice trattamento idroterapico del percorso Kneipp in grado di rimettere in moto la circolazione. L’acqua fredda aumenta la tensione dei vasi sanguigni e dona una freschezza che dura per tutto il giorno. La doccia scozzese, detta anche doccia alternata, regola il flusso sanguigno e restituisce leggerezza alle gambe appesantite. Come funziona? Il getto d’acqua deve essere rivolto prima sui piedi per poi salire sia sul lato interno sia su quello esterno di entrambe le gambe.

Di tanto in tanto è utile anche tenere le gambe alzate ed effettuare un massaggio rilassante partendo dai piedi e procedendo verso il cuore per alleggerire i vasi sanguigni.

La fitoterapia può indicarci preziosi alleati tra le piante. Per i problemi venosi sono particolarmente indicati:

  • vite rossa
  • castagno
  • pungitopo

Con la funzione di ricerca è possibile trovare i naturopati della naturopatia tradizionale europea riconosciuti, che saranno in grado di fornire consigli su queste piante, ma anche su eventuali altre patologie pregresse.

Ricordatevi di bere abbastanza. Gli adulti dovrebbero bere 2-3 litri al giorno, preferibilmente acqua o tisane rinfrescanti. Se l’organismo è idratato, il sangue circola meglio e si previene la pesantezza alle gambe.

Il movimento è fondamentale per alleviare o evitare problemi alle vene. Il nordic walking, il ciclismo e il nuoto (in acqua di al massimo 28°C) sono l’ideale. È molto utile anche il walking per le vene. Consiste nel camminare a passo spedito ogni giorno per 20-30 minuti per stimolare il metabolismo e rafforzare di conseguenza anche le vene.

Evitare i tacchi alti oltre quattro centimetri e le scarpe strette, ma anche calze e pantaloni non devono stringere per garantire un buon ritorno del flusso sanguigno. Il piede riesce ad appoggiarsi correttamente, dal tallone alla punta, solo nelle scarpe basse. I polpacci sono così sempre sufficientemente attivi da impedire la stasi del sangue. Inoltre, camminare scalzi quando è possibile stimola la circolazione sanguigna.

Le calze a compressione sono un rimedio utile quando la pesantezza è costante. Per sapere precisamente come si usano è necessario rivolgersi a un esperto, come il proprio medico, un massaggiatore medico certificato CRS o un naturopata.

Speriamo che questi consigli e suggerimenti possano servire a rimettere in moto le vostre gambe e che anche l’estate possa essere un periodo attivo.

Maggiori informazioni

Parole chiave

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter: