Fitoterapia: le piante officinali giuste

La fitoterapia, ovvero la terapia con le piante, è una delle forme terapeutiche mediche più antiche. È una componente importante della naturopatia tradizionale europea (NTE) e della medicina tradizionale cinese (MTC).

Diverse erbe e piante officinali

La fitoterapia sfrutta l’effetto terapeutico di erbe e piante officinali per alleviare disturbi fisici e mentali. I principi attivi vegetali vengono estratti e trasformati in tisane, tinture, pomate e oli.

Achillea millefoglie

L’achillea millefoglie è una pianta della famiglia delle composite, come la camomilla vera, l’arnica, il dente di leone, la calendula e il girasole. A seconda della preparazione della tisana, ha un effetto rilassante o tonificante. È adatta sia all’uso esterno che interno. All’esterno per lesioni e infiammazioni cutanee. All’interno per disturbi gastrointestinali, della cistifellea, dolori mestruali e per una migliore circolazione sanguigna.

Arnica

L’arnica è adatta sia all’uso esterno che interno. All’esterno va massaggiata sulla pelle come tintura o pomata ed è efficace contro gonfiori, distorsioni e contusioni. All’interno, tuttavia, viene presa solo come rimedio omeopatico diluito, perché altrimenti potrebbero verificarsi sintomi di avvelenamento.

Calendula

La calendula viene impiegata principalmente per uso esterno contro ferite che faticano a rimarginarsi e infiammazioni della mucosa orale e faringea − in pomata, tisana, collutorio o semicupio. Meno noto, ma non meno efficace è l’effetto lenitivo contro scottature, geloni, vene varicose, foruncoli, eczemi ed emorroidi.

Camomilla

È antinfiammatoria, antibatterica e allevia i crampi: la camomilla è una pianta officinale dai tanti usi. Oltre a raffreddori, infezioni gastrointestinali, infiammazioni delle mucose gastriche e ulcere gastriche, la tisana alla camomilla è efficace anche contro bruciore di stomaco, gastrite, infiammazioni delle gengive e suppurazioni tonsillari. Inoltre, può essere applicata anche esternamente per curare infiammazioni, escoriazioni e forme leggere di acne.

Dente di leone

Nella fitoterapia il dente di leone è considerato disintossicante. Stimola la digestione e migliora la minzione. La sua varietà di principi attivi lo rende efficace contro tanti problemi dello stomaco, dell’intestino, della cistifellea e dei reni. Il dente di leone può essere assunto sotto forma di tisana e spremuta fresca, o addirittura preparando un caffè al dente di leone. Il suo estratto può essere somministrato in tinture, compresse, capsule e polvere.

Iperico

Lesioni, ferite e scottature: in questi casi è raccomandato l’uso esterno dell’iperico in polvere, estratto e olio. Soprattutto quest’ultimo evita la comparsa di vistose cicatrici. Ma è efficace anche contro colpi della strega, gotta, gastrite, reumatismi, stress, stati d’ansia, leggere depressioni e sbalzi d’umore. 

Lavanda

La lavanda ha un grande potere officinale in tante situazioni diverse. Può essere, infatti, impiegata contro:

  • infiammazioni
  • infezioni
  • funghi e micosi (pelle, piedi, unghie)
  • parassiti della pelle (anche acari)
  • gotta
  • reumatismi
  • nevralgie
  • dolori articolari
  • punture di insetti
  • tosse
  • problemi psicologici
  • paura
  • stati d’inquietudine
  • mal di testa
  • emicrania

Melissa

La melissa, detta anche cedronella, è una pianta officinale che calma in maniera delicata un sistema nervoso teso. È efficace contro disturbi del sonno, stati d’inquietudine e disturbi nervosi del tratto gastrointestinale. Anche contro l’herpes labiale ha un effetto lenitivo e curativo. Il merito è del suo olio essenziale utilizzabile in forma liquida come tisana o in gocce oppure come estratto secco in compresse e confetti, ma anche in pomate.

Rosmarino

Anche utilizzato come spezia, il rosmarino si rivela efficace contro flatulenza e gonfiore di stomaco. Assunto per fini medici, normalizza una pressione arteriosa bassa ma è utilizzabile anche contro la pressione alta. Inoltre, il rosmarino favorisce la digestione, lenisce i dolori muscolari e articolari e promuove la concentrazione. Ed è utile anche contro i disturbi reumatici. L’olio di rosmarino, invece, contiene sostanze che promuovono e stimolano la circolazione sanguigna. Per questo un bagno con olio di rosmarino ha un effetto tonificante. Massaggiato sulla pelle, infine, l’olio scioglie le tensioni muscolari. A contatto diretto con la pelle, però, l’olio di rosmarino va sempre dosato con prudenza per evitare reazioni eccessive.

Salvia

Sotto forma di tisana, la salvia combatte nervosismo, tensione, stress e ansia con sudorazione eccessiva. Inoltre, allevia i crampi allo stomaco e i dolori mestruali distendendo i nervi. E promette un aiuto anche contro il colon irritabile.

Timo

Il timo è adatto per uso sia interno che esterno ed è efficace contro tanti disturbi. Può essere assunto come tisana, estratto in un preparato per la tosse, per inalazioni nonché sotto forma di compresse, pastiglie bronchiali, sciroppo per la tosse e gocce. Il timo, infatti, ha un effetto espettorante, distensivo e antinfiammatorio contro tosse, bronchite e asma. Inoltre, uccide i germi nel tratto gastrointestinale, combatte i disturbi digestivi ma anche le patologie infiammatorie gastrointestinali come ad esempio le infiammazioni della mucosa gastrica o dell’intestino tenue e crasso così come la diarrea. All’esterno riduce le infiammazioni della mucosa orale e faringea oltre a promuovere la circolazione. In più aiuta contro eczemi e malattie cutanee in combinazione con funghi, virus e batteri, nonché contro l’acne e la pelle impura. È possibile utilizzarlo sotto forma di pomate e tinture, oppure per bagni e compresse su lesioni e pelle irritata. La tisana, inoltre, è adatta per l’uso esterno contro brufoli e pelle impura. Infine, masticarne il gambo è un rimedio contro l’alito cattivo.

Fitoterapia e omeopatia

Spesso fitoterapia e omeopatia vengono confuse, anche se in realtà sono molto diverse. Hanno però una cosa in comune: puntano su una visione olistica dell’individuo e dei suoi disturbi. Le terapie si concentrano sulle forze di autoguarigione. Le piante giocano un ruolo importante in entrambi i metodi. Al contrario della fitoterapia, però, nell’omeopatia le sostanze contenute nelle piante vengono fortemente diluite e in alcuni casi anche combinate con elementi animali, minerali e di altro genere. La fitoterapia moderna è ormai riconosciuta da molti studi scientifici. Per questo molte piante si sono ritagliate un posto nella medicina, sia nella fitoterapia occidentale che in quella cinese.

Articoli sul tema

Esclusione di responsabilità

Le informazioni qui riportate riguardanti temi della salute rappresentano indicazioni generali e compaiono esclusivamente a titolo informativo. Non sostituiscono una consulenza medica. In caso di problemi di salute è necessario richiedere il parere di un medico o di personale medico qualificato.

Avete domande?

Siamo volentieri a vostra disposizione.