Cosa fare se si russa?

Russate di notte e al mattino vi sentite fiacchi? O è chi vi è accanto a russare ogni notte? Anche se di solito russare non è pericoloso, è meglio chiarire le cause. Ecco alcuni rimedi e consigli.

15.06.2020

Daniela Schori

Russare è davvero fastidioso. A dipendenza dell’intensità del rumore, a farne le spese è il riposo di cui il corpo ha bisogno e, a volte, dietro si può celare una malattia grave. Al mattino vi sentite fiacchi, di giorno assonnati e limitati nelle vostre attività? Mentre dormite, smettete di respirare? In tal caso è opportuno fare accertamenti per escludere l’apnea del sonno ed evitare danni alla vostra salute. Se sono i bambini a russare è necessario, invece, appurarne le cause.

12 rimedi per non russare

Non esiste un rimedio universale per smettere di russare. Per trovare un trattamento e una terapia mirati all’obiettivo è necessario un accertamento individuale. Tuttavia, è possibile ridurre il rischio di russare di notte con semplici rimedi e misure. Il più delle volte, il problema è risolvibile.

  1. Dormire sul fianco: dormite in una posizione che consenta di tenere libere le vie aeree. Dormire sul fianco è la cosa migliore. Nella posizione supina la lingua tende a cadere all’indietro ostruendo il passaggio dell’aria.
  2. Ottimizzare il letto: rivolgetevi a un negozio specializzato e fatevi fare una consulenza per scoprire quale materasso, quali doghe e quale cuscino possono darvi il giusto sostegno. Sollevate la parte superiore del letto di un palmo della mano. Consiglio lampo: riporre due libri spessi sotto i piedi del letto è più utile di costosi cuscini antirussamento. Questi provocano spesso una sorta di piega nelle vie respiratorie.
  3. Doccia nasale: naso tappato? Se si è raffreddati o si soffre di allergie, al posto delle gocce nasali può essere utile anche una doccia nasale con soluzione salina (un bicchiere di acqua tiepida con mezzo cucchiaino di sale da cucina). Importante: se soffrite di una congestione nasale cronica è opportuno fare accertamenti.
  4. Bagno di vapore per il viso: versate in una ciotola un litro di acqua bollente (attenzione!) aggiungendovi 3-5 gocce di olio essenziale di tea tree, esponete il viso ai vapori, inalandoli per 10 minuti. Ponendo un asciugamano sopra la testa e la ciotola impedite ai vapori di esalare. Alternativa: appoggiate sul comodino una piccola ciotola con un po’ d’acqua e 20 gocce di olio di eucalipto.
  5. Gargarismi con olio di menta piperita: i gargarismi aiutano a restringere le mucose gonfie nella bocca e in gola. Aggiungete due gocce di olio di menta piperita in un bicchiere di acqua.
  6. Niente alcol di sera: ammorbidisce il tessuto nella gola, facendola vibrare più facilmente e sonoramente.
  7. Smettere di fumare: fumate? Il fumo provoca spesso episodi di russamento notturni.
  8. Cena leggera: di sera, prediligete alimenti facili da digerire. Ciò vi permetterà di dormire più tranquilli e di riposarvi meglio.
  9. Esercizio fisico sufficiente: un corpo ben allenato e il movimento all’aria aperta migliorano il sonno. Però: non fate attività fisica subito prima di andare a letto.
  10. Medicamenti con circospezione: non dimenticate che i sonniferi e altri farmaci rilassanti favoriscono il russamento.
  11. Evitare il sovrappeso: la presenza di tessuto adiposo eccessivo restringe ancora di più le vie respiratorie. Leggete i nostri consigli nell’articolo del blog «Dimagrire con facilità».
  12. Fare attenzione al clima degli interni: le mucose nasali prosperano in un clima umido. L’ideale è una temperatura ambiente di 18 gradi Celsius e un’umidità dell’aria compresa tra il 40 e il 60%.

Cause del russamento

Durante il sonno, i muscoli così come le vie respiratorie superiori si rilassano. Tutto si distende e si allenta, il palato, l’ugola, la lingua. Le vie aree quindi si restringono. Passando per questa strettoia, l’aria fa vibrare il tessuto circostante, producendo i tanto noti rumori.

Il russare può essere dovuto a diverse cause: la maggior parte di queste possono essere evitate il più delle volte conducendo uno stile di vita sano. Le cause più frequenti sono le seguenti.

  • Respirare a bocca aperta piuttosto che con il naso; le cause di una respirazione nasale ostacolata possono essere le allergie, i polipi nasali o le stenosi nasali congenite.
  • Fattori anatomici: le tonsille ingrossate, l’ugola e la lingua di grandi dimensioni o le malformazioni mandibolari ristringono il passaggio di aria. Nei bambini, le tonsille ingrossate sono la causa più frequente del russamento.
  • Sovrappeso – restringe le vie respiratorie
  • Dormendo in posizione supina, la lingua tende a scivolare all’indietro
  • Medicamenti, nicotina e alcool

Sonno migliore grazie a Helsana Coach

Chi dorme bene e a sufficienza ha più energie. I consigli e gli esercizi nell’app Helsana Coach favoriscono il sonno. Scaricatela ora e avviatela.

Russamento innocuo o patologico?

Nella maggior parte di casi si tratta di un semplice russamento, detto anche russamento primario. Dal punto di visto medico, questa forma non ha di solito ripercussioni negative sulla salute. Tuttavia, è un rumore fastidioso che può arrivare a toccare gli 80 decibel, il che equivale ad esempio al rumore prodotto da un camion sull’autostrada. Ciò disturba il sonno, soprattutto di chi dorme accanto. Fate attenzione se avete arresti respiratori notturni, poiché potrebbe trattarsi di un’apnea ostruttiva del sonno. La mancanza di ossigeno provocata dagli arresti respiratori aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, tra cui l’infarto cardiaco e l’ictus. Un tale disturbo deve essere accertato da un medico del sonno. Se russate forte, si consiglia un consulto anche alle persone per cui non sussiste il sospetto di apnea del sonno o che non presentano arresti respiratori. Parlatene con il vostro medico. Questi potrà avviare gli esami necessari e indirizzare i pazienti, se necessario, a un consulto ambulatoriale in un centro di medicina del sonno o in un laboratorio del sonno.

Smettere di russare: quali rimedi sono utili?

Su Internet si trovano varie terapie e rimedi per smettere di russare, come cuscini antirussamento, bite antirussamento, spray nasali, pacemaker linguali fino ai gilet per la notte a mo’ di tartaruga per impedire di acquisire di notte la posizione supina. La sola abbondanza di rimedi in commercio testimonia l’inesistenza di una soluzione rapida universale per smettere di russare. Solo dopo aver ottenuto una diagnosi precisa è possibile che un trattamento, sia questo una terapia antirussamento o un intervento chirurgico nel naso o nel palato, abbia esito positivo. Anche gli apparecchi ortodontici o i bite richiedono il consulto di professionisti. Questi rimedi sono altrettanto indicati se il motivo per cui si russa è dovuto a una malposizione mandibolare. Rischiate, altrimenti, di spendere soldi a vuoto per rimedi che non fanno al caso vostro.

Troverete alcuni consigli per un sonno ristoratore nella nostra rubrica Sonno.

Le donne russano più di rado

Il russare è un fenomeno molto diffuso: un uomo su cinque russa. Le donne ne sono meno colpite, tranne che in gravidanza (il che è dovuto all’aumento di peso e alla posizione supina che preferiscono assumere durante il sonno). Con l’avanzare dell’età, sia gli uomini che le donne russano di più: a partire dai 60 anni ne sono colpiti il 60 per cento degli uomini e il 40 per cento delle donne. Questo perché nella menopausa il corpo di una donna non produce più estrogeni e i muscoli lungo le vie respiratorie si afflosciano. In più, il tessuto si secca. Ciò favorisce l’insorgere del russamento. Parlatene con il vostro ginecologo. 

Definizione russamento

Il russamento (roncopatia) indica la respirazione rumorosa durante il sonno. Si distingue fra russamento primario o abituale e russamento ostruttivo, cioè l’apnea del sonno .

La sonnologa Daniela Janssen La sonnologa Daniela Janssen

La sonnologa Daniela Janssen

Daniela Janssen (lic. phil. sonnologa e psicoterapista FSP) fa parte dell’équipe specialistica del reparto di sonnologia al Centro di Medicina del Sonno Hirslanden di Zurigo. Offre consulenza ad adulti, adolescenti e bambini affetti da disturbi del sonno. Lavora, inoltre, come psicoterapista nel proprio studio medico. Per questo articolo, Daniela Janssen ha affiancato il team della redazione fornendo consulenza informativa e redazionale. 

Parole chiave

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter: