Vaccinazione anti TBE: i fatti più importanti

Scoprite qui chi dovrebbe vaccinarsi contro la TBE, cosa viene pagato dalle casse malati e come è possibile proteggersi dalle zecche. Risposte alle domande più frequenti sulla vaccinazione anti TBE.

31.03.2021

Lara Brunner

La meningoencefalite da zecca (TBE), nota anche come meningoencefalite primaverile-estiva, è una malattia infettiva virale veicolata dal morso di una zecca infetta, che trasmette il virus della TBE all’uomo. La vaccinazione contro i morsi di zecca o vaccinazione anti TBE protegge dall’infezione.

Quanto è diffusa la TBE in Svizzera?

La TBE è una malattia infettiva per la quale sussiste obbligo di notifica. Per questo motivo esistono studi esaustivi sullo sviluppo del numero di casi. Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nel 2020 si sono verificati 455 casi, mentre negli anni precedenti tale cifra risultava sempre inferiore. L’incidenza è stata di 5,16. Ciò significa che nel 2020 sono state infettate 5,16 persone ogni 100’000 abitanti.

Qual è il decorso della meningoencefalite da zecca?

Il decorso della TBE può essere suddiviso in due stadi. Nei primi giorni dopo il contagio, il paziente evidenzia disturbi simili a quelli dell’influenza, come febbre e dolori articolari. Dopo un periodo privo di sintomi, fino al 15 percento dei pazienti presenta nuovamente sintomi influenzali. In questo caso sono possibili malattie come:

  • Infiammazione delle meningi (meningite)
  • Infezione del cervello (meningoencefalite)
  • Infiammazione del tessuto cerebrale e midollare (meningoencefalite, meningoradicolite)

Un numero limitato di pazienti presenta inoltre paralisi di braccia, gambe o nervi facciali. Circa l’un percento dei casi ha un decorso letale.

Chi dovrebbe farsi vaccinare contro il morso delle zecche, cioè contro la TBE?

In Svizzera, la vaccinazione anti TBE è raccomandata alle persone che sono domiciliate o soggiornano temporaneamente nelle vicinanze di una zona a rischio. Le zone in cui le persone sono state infettate dal virus si sono ampliate progressivamente negli ultimi anni, motivo per cui oggi l’intera Svizzera è considerata zona a rischio, ad eccezione dei Cantoni Ginevra e Zurigo.

In tutto, per una protezione completa sono richieste tre vaccinazioni. Le prime due vengono solitamente somministrate a distanza di 1-3 mesi l’una dall’altra. In base al vaccino, invece, la terza va effettuata da cinque a dodici mesi dopo la seconda.

Importante: la vaccinazione anti TBE protegge solo dalla meningoencefalite da zecca (TBE), non dalla borreliosi

Decorso e sintomi della borreliosi

A partire da quale età i bambini possono essere sottoposti al vaccino anti TBE?

L’UFSP raccomanda la vaccinazione anti TBE ai bambini dai 6 anni in su.

Con che frequenza bisogna sottoporsi ai richiami?

Per conservare la protezione vaccinale contro la TBE è obbligatorio un richiamo. L’UFSP raccomanda di sottoporsi a un richiamo ogni 10 anni.

Qual è il momento giusto per la vaccinazione anti TBE?

Le zecche si attivano non appena l’aria diventa più calda e umida. Spesso, quindi, la TBE si contrae a inizio estate. Di conseguenza, in Svizzera il momento ideale per sottoporsi alla vaccinazione anti TBE è l’inverno.

Quali sono i possibili effetti collaterali della vaccinazione anti TBE?

La vaccinazione anti TBE può avere effetti collaterali, che però non sono necessariamente negativi. Indicano che il sistema immunitario inizia a sviluppare una resistenza alla TBE.

Effetti collaterali frequenti:

  • Dolori nella zona dell’iniezione
  • Mal di testa
  • Febbre

Altri effetti collaterali:

  • Gonfiore nella zona dell’iniezione
  • Nausea, vomito
  • Stanchezza
  • Inquietudine
  • Dolori muscolari e articolari

Effetti collaterali rari:

  • Gonfiore dei linfonodi

Se gli effetti collaterali non scompaiono entro uno o due giorni, contattate il vostro medico.

Il vaccino anti TBE è pagato dalla cassa malati?

I costi della vaccinazione contro la TBE sono coperti dall’assicurazione malattia obbligatoria, a condizione che siate domiciliati o soggiorniate temporaneamente in una zona in cui la vaccinazione è raccomandata (tutta la Svizzera, ad eccezione di Ginevra e Ticino).

Buono a sapersi

Affinché i costi siano coperti dall’assicurazione di base, la vaccinazione deve essere somministrata da un medico. I costi per le vaccinazioni anti TBE effettuate in farmacia, invece, non sono coperti, dall’assicurazione di base.  

In che altro modo ci si può proteggere dalle zecche?

Bastano poche misure di protezione per ridurre il rischio di venire morsi da una zecca.

  • Indossate pantaloni lunghi, maglie a maniche lunghe e scarpe chiuse. Per una maggiore protezione potete risvoltare i calzini sopra i pantaloni.
  • Indossate abiti chiari. Così sarà più facile vedere le zecche.
  • Applicate un repellente antizecche sulla pelle e sui vestiti.
  • Evitate cespugli, boscaglia ed erba alta.

Dopo una passeggiata ispezionate il corpo e i vestiti. Le zecche giovani sono molto piccole e simili a ragni. Prestate attenzione anche a loro.

Come rimuovere le zecche in modo corretto

Conclusione

Esistono diverse misure di protezione per ridurre il rischio di venire morsi da una zecca, ma non offrono, tuttavia, una sicurezza totale. L’UFSP raccomanda pertanto la vaccinazione contro la TBE a tutte le persone di età superiore ai 6 anni che sono domiciliate o soggiornano regolarmente in una zona a rischio (tutta la Svizzera, ad eccezione dei Cantoni Ginevra e Ticino). In totale sono necessarie tre vaccinazioni. Si consiglia di effettuare un richiamo ogni dieci anni.

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter:

Dies ist ein Pflichtfeld
Dies ist ein Pflichtfeld
Dies ist ein Pflichtfeld
Muss eine Email sein

Grazie della registrazione.

Le abbiamo appena inviato un’e-mail con un link di conferma su cui cliccare per concludere la registrazione.