Farmacia domestica: attrezzati in caso d’emergenza

Anche a casa possono verificarsi degli incidenti: scottature ai fornelli, ferite col taglierino o cadute da scale instabili. Pertanto, una farmacia domestica ben assortita è fondamentale.

09.09.2020

Christian Benz

Nell’ambito di un sondaggio popolare, probabilmente la maggior parte dei cittadini e delle cittadine in territorio svizzero affermerebbe di possedere una farmacia domestica. Fin qui tutto bene. Tuttavia, per la maggior parte di loro emergerebbe un quadro piuttosto simile riguardo alla farmacia di casa: un armadietto in bagno o in cucina in cui è stipato un miscuglio di pillole alla rinfusa, tubetti semivuoti e qualunque tipo di flaconi privi di etichette. Molto male. Se esistesse un sigillo di qualità per le farmacie domestiche, la maggior parte delle economie domestiche non supererebbe l’esame.

Com’è la situazione a casa vostra? Scoprite qui come dovrebbe essere la farmacia d’emergenza ideale.

Lista di controllo per la vostra farmacia domestica

  • Termometro
  • Antidolorifici
  • Antipiretici
  • Rimedi contro il vomito
  • Rimedi contro la diarrea
  • Zucchero d’uva: si presta bene come misura immediata soprattutto in caso di stordimento e problemi di circolazione 
  • -Spray nasale (in caso di raffreddore e malattie da raffreddamento)

  • Materiale per medicazione
  • Cerotti di diverse dimensioni
  • Compresse
  • Bende di garza
  • Forbici (per tagliare il materiale necessario per la medicazione)
  • Disinfettante (Importante: in caso di ferite da taglio o escoriazioni la prima cosa da fare è sempre disinfettare! A seconda della profondità della ferita da taglio, prima di disinfettare dovreste fermare l’emorragia.)
  • Guanti monouso
  • Compresse fredde (Consiglio: tenete sempre pronta una compressa fredda in frigorifero. In caso di stiramenti e contusioni è importante raffreddare l’area interessata.)
  • Pinzetta per schegge e zecche (Importante: per rimuovere le zecche, si consiglia di utilizzare una pinzetta appuntita oppure una specifica per la rimozione di questi insetti. Alternativa: carta togli-zecche, disponibile anche in farmacia)
  • Lente d’ingrandimento: particolarmente utile in caso di schegge di piccole dimensioni
  • Torcia tascabile: utile in caso di scarsa visibilità

I luoghi prediletti da adibire a farmacia domestica sono il bagno e la cucina. Nulla di più sbagliato: in entrambi i casi, si tratta di ambienti caratterizzati da significative oscillazioni di temperatura e umidità e quindi poco adatti alla conservazione dei farmaci, la cui efficacia potrebbe così essere compromessa. Pertanto, è opportuno conservare la propria farmacia domestica in un luogo buio, fresco e asciutto. La camera da letto o il ripostiglio si prestano particolarmente bene a tal fine.

Nella vostra economia domestica ci sono anche dei bambini piccoli? Per la vostra farmacia di famiglia scegliete quindi un luogo lontano dalla portata dei più piccini. L’ideale sarebbe avere un armadietto per i farmaci da chiudere con un lucchetto. A proposito di bambini: ricordatevi di informare la vostra babysitter e le altre persone della vostra cerchia familiare e di conoscenti che si occupano dei vostri bambini del luogo in cui si trova la vostra farmacia domestica.

Anche per quanto riguarda la farmacia domestica, la qualità viene prima della quantità. Un miscuglio di farmaci conservati in modo disordinato ha due spiacevoli conseguenze: mancanza di spazio e di una visione chiara della situazione. Come si sa, se si verifica un’emergenza bisogna agire rapidamente. In casi simili, se si è in preda all’agitazione il rischio di prendere il farmaco o il flacone sbagliato è grande.

La farmacia domestica è destinata a tutti gli abitanti dell’economia domestica, sia bambini che adulti. Vale pertanto la seguente regola: tutti i farmaci soggetti a prescrizione medica e destinati a determinate persone non vanno conservati nella farmacia domestica. La stessa cosa vale per i medicinali destinati agli amici a quattro zampe.

Dovreste verificare lo stato della vostra farmacia domestica una volta all’anno, controllando le date di scadenza dei prodotti e assicurandovi di avere a disposizione tutti i farmaci necessari. Eliminate i farmaci che hanno un odore o un sapore strano, che si sbriciolano, risultano essere secchi o hanno cambiato colore. Non siete sicuri che un determinato farmaco sia ancora in condizioni ottimali? Chiedete aiuto alla farmacia più vicina.

Vi sono diversi modi per smaltire correttamente i farmaci scaduti che avete trovato nella vostra farmacia domestica. Gettarli nel WC non è assolutamente un’opzione da considerare. Potete portare la maggior parte dei farmaci scaduti nella farmacia più vicina a casa. I medicinali a base di sostanze puramente vegetali possono essere tranquillamente smaltiti nei normali rifiuti di casa.

Un elenco di tutti i numeri d’emergenza importanti è piuttosto utile e aiuta a risparmiare molto tempo: infatti, in caso d’emergenza, basta un attimo e accade che non si riescano a ricordare i numeri più facili da memorizzare. Inoltre, accanto all’elenco dei numeri di telefono è opportuno conservare anche delle istruzioni per il primo soccorso.

Per quale motivo è stato prescritto il farmaco? Per quanto tempo si può assumere senza interruzioni? Qual è il dosaggio? Rispondete a domande simili scrivendo direttamente tutte le informazioni su un foglietto e incollatelo poi sulla confezione. L’ideale sarebbe farlo subito dopo aver ricevuto la relativa prescrizione: in tal modo, sia voi che gli altri abitanti della vostra economia domestica non avrete dubbi se il farmaco in questione verrà utilizzato successivamente.