Panoramica

Liberarsi del raffreddore da fieno con dolcezza

Il raffreddore da fieno provoca bruciore agli occhi, naso che cola e prurito in bocca o in gola. Il naturopata Oliver Bassler sa come liberarsene con i rimedi dolci e come funziona la desensibilizzazione.

Signor Bassler, mi bruciano gli occhi e ho il naso tappato – troppo tardi per ricorrere all’omeopatia e ad altri metodi alternativi?

Per niente! Nelle fasi acute del raffreddore da fieno, spesso la medicina complementare è più efficace dei farmaci convenzionali. Tratto pazienti che soffrono nonostante l’assunzione di antiallergici o a causa dei loro effetti collaterali come stanchezza, problemi di concentrazione, nausea. La medicina complementare è priva di questi effetti.

E qual e il rimedio efficace?

Non esiste una pillola magica. Un trattamento dagli effetti duraturi richiede un approccio globale. Il naturopata o terapista di medicina complementare analizza lo stato di salute. Come sono le condizioni fisiche? Dove ci sono dei blocchi? Che reazioni si verificano?

Sembra una procedura piuttosto lunga. Gli occhi pero bruciano adesso.

Non si dovrebbe mai provare un rimedio spinti dall’urgenza! Solo una terapia adeguata alla persona può aiutare a guarire. L’agopuntura per esempio agisce molto velocemente. Nelle fasi acute o nei bambini, invece che con gli aghi, il terapeuta può stimolare i punti anche con cerotti speciali, laser o impulsi elettrici.

Basta l’agopuntura da sola?

Nei casi più leggeri sì. Normalmente però il corpo ha bisogno anche di altro per trovare l’equilibrio. Agopuntura, fitoterapia e omeopatia si completano in maniera ottimale. La menta o la lavanda aiutano in caso di mucose gonfi e, mentre l’Euphrasia può dare sollievo in caso di fastidi oculari.

«Agopuntura, fitoterapia e omeopatia si completano in maniera ottimale da liberarsi del raffreddore da fieno.»

Posso rinunciare subito agli antiallergici?

L’obiettivo è sostituirli gradualmente con rimedi naturali. I tempi variano da un individuo all’altro. La consulenza mira anche all’individuazione di influssi negativi, come determinati alimenti che possono aggravare l’allergia.

Quali alimenti deve evitare assolutamente chi e allergico ai pollini?

Dipende dal tipo di allergia. Alcuni manifestano reazioni allergiche agli agrumi, altri alle noci o alla frutta a nocciolo. Pertanto l’alimentazione è parte integrante della terapia. E attenzione ai consigli dati con le migliori intenzioni: non esiste una formula magica valida per tutti. Ciò che va bene per alcuni può essere dannoso per altri.

Posso guarire l’allergia con la medicina complementare?

Sì, la cosiddetta desensibilizzazione del sistema immunitario con metodi alternativi è possibile e consigliabile. La mia esperienza dimostra che ci sono buone probabilità di successo e che nella maggior parte dei casi la terapia è meglio tollerata rispetto all’impiego di medicamenti convenzionali.

Ci sono soggetti che non traggono giovamento dai metodi alternativi?

Nei pazienti con ulteriori o forti allergie e nei soggetti asmatici spesso possono rimanere sintomi leggeri, ma si ha comunque un effetto lenitivo.

Oliver Bassler, naturopata e specialista presso Helsana

Domande sulla medicina complementare?

Domande sulla medicina complementare?

Per tutti i clienti del gruppo Helsana 0800 100 590 (chiamata gratuita da rete fissa)
Ore 8.00 - 18.00, giorni lavorativi

Maggiori informazioni

Assicurati in modo ottimale

9 Articolo