Panoramica

Le app di meditazione stimolano la consapevolezza

Oggi le app di meditazione permettono di fare esercizi di consapevolezza sempre e ovunque. Ne abbiamo testate 5 e vi mostriamo come funzionano.

Fare una pausa, chiudere gli occhi e concentrarsi sul respiro: già dopo pochi minuti la meditazione si rivela benefica per il corpo e la mente. Oggi le app di meditazione offrono una guida, con sessioni di durata più o meno lunga, consentendo così di meditare quotidianamente senza problemi. La scusa di non avere tempo, quindi, non regge più.

Vi presentiamo 5 app di meditazione a scelta, che vi possono aiutare a incrementare la vostra consapevolezza e a respirare meglio nella vita quotidiana.

Headspace
L’app

Headspace offre all’utente diversi pacchetti di meditazione o singole sessioni su diversi temi in riferimento a situazioni specifiche:

  • SOS: panico, dolore, perdita del controllo
  • Ansia: colloquio, esame, paura di volare
  • Sport: gara, riposo, guarigione

La funzione di promemoria consente agli utenti di non dimenticare la meditazione quotidiana, o ricorda di essere presenti e consapevoli per qualche breve istante. Varie animazioni divertenti mostrano come superare difficoltà e blocchi durante la meditazione.

Il profilo personale

Nel proprio profilo l’utente trova le statistiche sui progressi nella meditazione e ha la possibilità di invitare degli amici. Gli utenti collegati tramite l’app possono poi motivarsi a vicenda.

Grafica e voce

Salta all’occhio la grafica divertente e spiritosa. Illustrazioni colorate guidano l’utente per tutta l’app. Le meditazioni sono guidate da una voce maschile molto gradevole. Tuttavia, a volte le parole risultano poco chiare e farfugliate, e bisogna concentrarsi un po’ per capire tutto.

Headspace nell’App Store

Headspace nel Google Play Store
Simple Habit – Meditation
L’app

Chi apre per la prima volta l’app deve indicare l’obiettivo che desidera raggiungere nell’anno in corso, ad esempio imparare a meditare, ridurre lo stress o dormire meglio. Sulla base di queste indicazioni l’utente riceve varie proposte di meditazione. Chi desidera scegliere autonomamente una meditazione, può cercare le sessioni nella schermata principale in base all’argomento o all’insegnante. Inoltre, è possibile selezionare una meditazione per una determinata situazione o per un certo stato d’animo. Vi sono vari temi, suddivisi a loro volta in temi secondari:

  • Lavoro: stress, frustrazione, pausa pranzo
  • Sonno: addormentarsi, insonnia, inquietudine
  • Eventi importanti: colloquio difficile, colloquio di presentazione, esame

Per la meditazione quotidiana è possibile programmare una sveglia che a una determinata ora ricorda all’utente di meditare.

Il profilo personale

Nel profilo personale l’utente può visualizzare il rapporto giornaliero dei suoi progressi. Inoltre, c’è una Community in cui l’utente può invitare amici e partecipare a Challenges.

Grafica e voce

La grafica è un po’ scura e meno colorata rispetto ad altre app di meditazione. Il design minimalista conferisce all’app un look classico e raffinato.

Simple Habit nell’App Store

Simple Habit nel Google Play Store
Calm
L’app

All’inizio l’utente deve indicare i suoi obiettivi, ad esempio dormire meglio, ridurre lo stress o aumentare la sua consapevolezza. A seconda delle preferenze l’app propone diverse meditazioni.

La schermata iniziale può essere impostata a piacere, scegliendo tra diversi scenari come un lago tra i monti, un temporale o il fuoco in un caminetto. Non è obbligatorio meditare, è possibile anche semplicemente rilassarsi ascoltando la musica direttamente nell’app. Come in Headspace, per la meditazione ci sono pacchetti o meditazioni singole. L’utente può scegliere cosa vuole fare in base alla situazione o al problema (concentrazione, stress, ansia). Ci sono poi le Sleep Stories, che possono aiutare l’utente a prendere sonno. I contenuti possono essere scaricati in modo da essere successivamente disponibili offline.

Il profilo personale

L’utente riceve un’analisi relativa a quanti minuti ha meditato e quante sessioni ha già concluso. Inoltre, una statistica mostra per quanti giorni alla volta è stata usata l’app. Per far salire più possibile questo valore, è possibile attivare una funzione promemoria quotidiana.

Grafica e voce

La grafica dell’app è molto essenziale: niente colori accesi né animazioni. I suoni di sfondo hanno un effetto rilassante. Le meditazioni sono guidate da una voce femminile tranquilla, comprensibile e dunque molto gradevole.

Calm nell’App Store

Calm nel Google Play Store
10% Happier
L’app

Per iniziare l’app chiede all’utente di indicare la sua esperienza di meditazione. Sulla base di queste informazioni, l’app offre determinate proposte. L’utente può scegliere tra diversi corsi e meditazioni, a seconda di ciò che più si adatta alla sua situazione e stato d’animo. L’obiettivo dell’app è applicare, dopo un certo tempo, la consapevolezza appresa anche in altri ambiti della vita. Grazie a una funzione di chat, gli utenti possono interfacciarsi con esperti di meditazione di lunga data. Secondo l’app le domande ricevono una risposta entro un giorno.

Il profilo personale

Nel profilo personale vengono salvati i progressi personali. Inoltre l’utente può programmare un promemoria giornaliero.

Grafica e voce

La grafica è molto essenziale, senza troppi colori, e ci sono numerosi esperti che guidano le sessioni di meditazione. Chi non si trova bene con la voce di un determinato insegnante può passare oltre senza problemi.

10 Percent Happier nell’App Store

10 Percent Happier nel Google Play Store
Stop, Breathe & Think
L’app

Stop, Breathe & Think aiuta l’utente a trovare la sua meditazione ottimale. Per iniziare l’app pone tre domande sulle condizioni della persona:

  • Come sta fisicamente?
  • Come sta mentalmente?
  • Come sta emozionalmente?

In seguito l’utente riceve suggerimenti di meditazioni adeguate.

Chi ha già esperienza può scegliere le sessioni anche personalmente. Inoltre ci sono due diversi timer:

  • Timer della respirazione: l’utente imposta la durata, il ritmo della respirazione e la velocità.
  • Timer della meditazione: l’utente imposta durata e suoni o rumori di fondo.

Grazie al feed personalizzato, l’utente riceverà regolarmente proposte su misura.

Il profilo personale

In quest’app gli utenti possono collezionare trofei e sticker. Nella schermata personale l’utente apprende inoltre quali emozioni ha provato di più e per quanti giorni consecutivi ha meditato.

Grafica e voce

In molte meditazioni l’utente può scegliere se essere guidato da una voce maschile o femminile. Gli elementi principali dell’app sono di colore bianco, verde, rosso e blu, la grafica è ben strutturata e non troppo colorata. Le illustrazioni che aiutano l’utente ad apprendere la meditazione rendono la grafica ancora più informale e simpatica.

Stop, Breathe & Think nell’App Store

Stop, Breathe & Think nel Google Play Store

Conclusioni

Queste 5 app sono solo una piccola parte delle possibilità di allenare la consapevolezza esistenti per dispositivi mobili. Nell’App Store e nel Google Play Store sono presenti infatti numerose altre app.

Il test ha dimostrato che molte app hanno molte funzioni di base simili: vi sono meditazioni per diverse situazioni quotidiane, la durata della meditazione può essere impostata a piacere e l’utente ha sott’occhio la panoramica dei suoi progressi personali. Tuttavia, per sfruttare queste app completamente, la versione gratuita non è sufficiente. Gli utenti possono acquistare singole meditazioni oppure sottoscrivere un abbonamento mensile o annuale. La grafica delle varie app è molto diversa, quindi ce n’è per tutti i gusti.

Ogni utente dovrà capire personalmente quali sono le sue esigenze e come desidera essere guidato nella meditazione. Per trovare la soluzione ottimale è utile provare e confrontare diverse app.

Parole chiave

L’ABC della meditazione

Cos’è la meditazione e quali forme esistono? Come incide la meditazione sulla vostra salute? Fatti, consigli ed esercizi per la consapevolezza.

Assicurati in modo ottimale

9 Articolo