Panoramica

Crampi muscolari: cosa si cela dietro?

I crampi notturni al polpaccio ci rubano il sonno. Ecco quali sono le cause e come prevenirli.

Cosa provoca un crampo muscolare?

Un crampo muscolare, detto anche spasmo, è una contrazione muscolare forte, dolorosa e involontaria. Il muscolo si irrigidisce e si ha la sensazione che tiri. Quando si ha un crampo al polpaccio non si riesce affatto o quasi a poggiare il piede a terra. Il muscolo si rilassa dopo qualche secondo o minuto.

I crampi (spasmi) interessano soprattutto i muscoli scheletrici, noti anche come muscoli striati. Ma anche i muscoli lisci, come i vasi sanguigni, gli organi cavi o i vasi linfatici, possono esserne colpiti. L’unica eccezione è il cuore. Avere crampi al cuore è infatti impossibile.

I crampi più noti sono quelli al polpaccio e allo stomaco. Esistono però ben altre forme.

  • Colica: crampo a un organo cavo (dolori, nausea, vomito)
  • Vasospasmo: crampo a un vaso sanguigno
  • Broncospasmo: crampo nei bronchi
  • Laringospasmo: crampo alla laringe

Un crampo si forma quando i nervi trasmettono impulsi non chiari dal cervello ai muscoli. I muscoli li interpretano erroneamente e si irrigidiscono.

Le tre forme di crampo:
  • la classica forma di crampo si manifesta sotto forma di una breve contrazione dolorosa. Ne sono esempi i crampi al polpaccio notturni o mattutini.
  • Un’altra forma sono i crampi clonici, in cui gli spasmi sono rapidi e intermittenti. Questi si presentano a brevi intervalli l’uno dopo l’altro. Nell’intervallo il muscolo si rilassa di nuovo.
  • La terza forma riguarda i crampi tonici, cioè contrazioni prolungate (crampi duraturi).
Cause dei crampi ai muscoli scheletrici

Gli elettroliti sono piccole particelle cariche che determinano la diffusione dei liquidi nel corpo. Esse regolano inoltre le funzioni cellulari. Uno squilibrio nella concentrazione di elettroliti, come ad esempio a causa di una carenza di magnesio o di sodio, può provocare crampi. Un tale squilibrio può verificarsi se si suda molto o se il corpo dispone per altri motivi di una quantità insufficiente di liquidi, ad esempio in seguito al consumo di alcool. Anche un’alimentazione sbagliata può comportare una mancanza di minerali. I muscoli si irrigidiscono però anche se non vengono irrorati a sufficienza o se vengono sottoposti a uno sforzo molto intenso. Ciò si verifica spesso, ad esempio, durante una partita di calcio. Al termine della partita i calciatori hanno spesso crampi ai polpacci.

Altre cause dei crampi muscolari

  • Muscolo striato: varici, certi medicamenti, malattie neurologiche o ormonali
  • Muscolo liscio: asma, appendicite, calcoli renali, malattia di Crohn
  • Convulsioni generalizzate: febbre, epilessia, meningite, disassuefazione da droghe e alcool

Spesso le cause sono innocue. Se soffrite spesso di crampi muscolari duraturi e dolorosi, potrebbe trattarsi di un disturbo metabolico o di una malattia neurologica. Consultate il medico per escludere malattie gravi.

Pronto soccorso in caso di crampi muscolari

Se si ha un crampo la cosa migliore è stendere il muscolo. In caso di crampo al polpaccio stendete le dita dei piedi verso l’alto in direzione della tibia. Anche le docce calde e fredde alternate o i massaggi leggeri possono dare sollievo.

Prevenire i crampi muscolari
  • Alimentazione
    Un’alimentazione equilibrata fornisce al vostro corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno. La piramide alimentare è un utile strumento cui potrete orientarvi.
  • Magnesio
    Per individuare una carenza di magnesio basta un prelievo del sangue. Tale carenza può essere curata con preparati in polvere o in compresse.
  • Apporto sufficiente di liquidi
    Bevete una quantità di acqua o di bevande isotoniche sufficiente soprattutto quando fate attività sportive o altri tipi di sforzo fisico. Evitate l’alcol, che invece disidrata.
  • Riscaldamento
    Scaldate i muscoli prima di fare sport. Cominciate con un allenamento poco intenso o fate esercizi di riscaldamento. Il salto della corda o i jumping jack sono ad esempio particolarmente efficaci.
  • Stretching
    Potete fare stretching non solo prima o dopo l’allenamento. Inserite gli esercizi anche nella vita quotidiana.

Consiglio: se soffrite spesso di crampi notturni al polpaccio, fate gli esercizi di stretching di sera.

Muscoli

8 Articolo