Rivista per i clienti

Fiore della passione contro ansia e panico

Il nome «fiore della passione» è tutto un programma: sotto forma di gocce o di tintura madre, esso accende in noi la passione e simboleggia sia la Passione di Cristo sia la nostalgia del Paradiso.

Passionblume Kräuterkunde

Con i suoi colori blu, porpora, oro e bianco, la sontuosità di questo fiore non sfugge neanche allo sguardo più distratto. Ma il fiore della passione affascina anche per i suoi petali disposti in forma circolare, la sua corona dai sottili filamenti, le sue antere e i suoi appariscenti stigmi al centro. Il nome gli venne attribuito dai missionari cristiani insediatisi nel Nuovo Continente appena scoperto da Colombo: l’America. Essi videro nel bel fiore i simboli della Passione di Cristo: i dieci petali del fiore simboleggiavano, secondo loro, gli apostoli senza Giuda e Pietro, la corona bianco-violetta la corona di spine, le cinque antere le ferite e i tre stigmi i chiodi con cui Gesù fu crocifisso. I viticci della pianta stavano a indicare infine i flagelli, come affermò nel 1663 il gesuita romano Giovanni Battista Ferrari, professore e botanico, nel suo trattato «De florum cultura». L’affascinante fiore non fu fonte d’ispirazione solo per i credenti, ma anche per gli artisti. Nel XIX secolo circa, la splendida raggiera corollina simboleggiava per loro la nostalgia di un lontano paradiso esotico.

Il fiore della passione ha un effetto analgesico e rilassante

Il fiore della passione, conosciuto anche con il nome di passiflora, è noto già da molte migliaia di anni, come lo dimostrano i semi rinvenuti nei siti archeologici in America. La «Passiflora incarnata» è originaria del Nord America. Oggi viene coltivata in Florida e in India in colture. Ad accorgersi che il fiore, oltre alla sua bellezza, possedesse anche proprietà benefiche fu il medico Phares nel 1867. Egli scoprì infatti il suo effetto sedativo.

Oggi è stato dimostrato scientificamente che il flavonoide vitexina, sostanza più importante della passiflora, ha proprietà calmanti. Ad alto dosaggio, questa sontuosa pianta può essere utilizzata in caso di stati d’ansia e attacchi di panico, sotto forma di confetti, sciroppo o di una tintura appositamente preparata. A basse dosi, aiuta a sciogliere le tensioni o a eliminare insonnia o problemi gastro-intestinali dovuti a nervosismo. In questo caso, si prendono venticinque gocce di tintura madre per tre volte al giorno. Se combinata ad altre piante officinali con azione riequilibrante sulla psiche, la tintura rafforza il loro effetto lenitivo. In presenza di tachicardia bisogna essere cauti: in questo caso, sarebbe meglio che i pazienti ricorressero a una miscela di valeriana, luppolo e melissa.

Ridurre l'instabilità emotiva

L’azione calmante della passiflora può influire positivamente sulla vita sotto molti aspetti. Può aiutare, ad esempio, a esaudire il desiderio tanto atteso di un figlio poiché dona al corpo la calma e la tranquillità necessarie per una gravidanza. Questa splendida pianta attenua l’instabilità emotiva nella menopausa o in una crisi di mezza età e consente di concentrarsi sulle questioni fondamentali di questa fase della propria vita: perché batte il mio cuore? Quale passione voglio realizzare e coltivare? La passiflora ci aiuta ad ascoltare il nostro cuore. Non lo pensano solo gli esponenti della vecchia scuola erboristica, ma anche quelli della moderna fitoterapia razionale.

Caratteristiche

Famiglia

Passifloraceae

Aspetto

La passiflora sviluppa dei rizomi, cioè fusti simili alle radici, lunghi fino a dieci metri. Da questi rizomi si dipartono sottili steli con foglie che si alternano a destra e a sinistra. Queste ultime sono a tre lobi e raggiungono una lunghezza di 15 centimetri. Nelle ascelle fogliari spuntano dei viticci (cirri), arrotolati in punta su se stessi a forma di cavatappi. I fiori assomigliano a una croce raggiata, la cui struttura e forma hanno ispirato molti artisti.

Habitat

È una pianta indigena delle zone tropicali e subtropicali della regione sud-orientale del Nord America, del Messico, del Brasile, dell’Argentina, delle Indie Orientali e del Pacifico meridionale; in Europa viene coltivata in serra o come pianta da vaso.

Classificazione botanica

La passiflora è una pianta rampicante pluriennale e vigorosa, che cresce molto in fretta.

Periodo di raccolta
  • Fiori della Passiflora incarnata: da giugno a settembre
  • Frutti di specie affini: maracuja (Passiflora edulis), granadilla (Passiflora ligularis), granadilla gigante (Passiflora quadrangularis)
  • Erba con fiori: in piena fioritura
Impiego
  • In caso di attacchi di panico e stati d’ansia acuti si consiglia di assumerla come estratto sotto forma di confetti (2 confetti da 425 mg ciascuno per tre volte al giorno) o come tintura madre omeopatica (3–9 gocce per 3–6 volte).
  • Come tintura madre o come preparato spagirico in caso di segni d’ansia tra cui tachicardia, da combinare con biancospino, cardiaca, artemisia, lavanda e piede di lupo.
  • Come tisana da combinare con melissa, iperico e foglie di betulla. Miscelare tutte le erbe per tisane in parti uguali e bere tre tazze al giorno senza zucchero per sei settimane.