Panoramica

Stimola il cuore e la circolazione: rosmarino

La sua essenza ravviva lo spirito, risveglia i sensi e riscalda il corpo. Il rosmarino stimola l’irrorazione sanguigna e normalizza la pressione troppo bassa. Inoltre potenzia la digestione debole, lenisce i dolori muscolari e articolari e migliora la concentrazione.

Rosmarin gross

Nell’Antica Grecia il rosmarino era dedicato ad Afrodite, dea dell’amore. Come simbolo di amore, fertilità e fedeltà, una corona di rosmarino ornava nei matrimoni la testa della sposa. La pianta serviva anche come simbolo del ricordo dei cari defunti. I parenti in lutto ornavano la bara con i suoi rami profumati. Nel 16° secolo il rosmarino venne anche considerato come fonte di giovinezza. L’essenza «Aqua Reginae Hungariae», estratta dalle foglie fresche, è entrata nella storia come primo profumo distillato. Il nome viene dalla regina Isabella di Ungheria. Aveva ricevuto quell’acqua da un eremita come rimedio contro i dolori reumatici dovuti all’età. Il re di Polonia avrebbe chiesto la mano dell’allora settantaduenne regina perché grazie a quel distillato magico, non solo era guarita, ma era anche rifiorita a nuova giovinezza.

Tonificante fonte di giovinezza

Il rosmarino favorisce l’irrorazione del sangue e riscalda il corpo. Esso stimola la circolazione sanguigna e contrasta così l’ipotonia. Fa sparire la stanchezza e accresce l’efficienza e la capacità mnemonica. Applicato esternamente e interiormente lenisce i dolori reumatici e articolari grazie al suo effetto sull’irrorazione sanguigna. Il rosmarino allevia inoltre i dolori mestruali e agevola il flusso. Agisce anche contro i gonfiori e il senso di sazietà, stimola la digestione dei grassi e scioglie i crampi delle vie biliari e dell’intestino tenue. Grazie all’effetto riscaldante ha dato buona prova di sé nelle applicazioni esterne anche in caso di malattie epatiche croniche.

Foglie come aghi

La pianta è un arbusto che può crescere fino a un metro e mezzo circa. I rami a crescita eretta sono densamente ramificati e a forma quadrangolare. Nel secondo anno la pianta inizia a lignificare nella parte bassa. Sui rami giovani crescono le foglie aghiformi disposte a spirale. Nella parte superiore le foglie sono resistenti e di colore verde scuro. I bordi sono ricurvi di modo che nella parte inferiore si vede unicamente una striscetta chiara e feltrosa. Dalle ascelle fogliari nascono su brevi steli laterali i fiori labiati. Il rosmarino spande un profumo caratteristico di resina speziata.

Parole chiave

Prossimi articoli

Ammalarsi in gravidanza: come comportarsi?

Ammalarsi in gravidanza significa non solo disturbi, ma anche preoccupazioni. Il bambino ne può risentire?

Un toccasana per gli occhi: mirtillo

Vedere meglio anche al calar del buio è possibile grazie al mirtillo. Le bacche essiccate aiutano a combattere la diarrea.

Articoli simili

Helsana

Medicina complementare: alternativa naturale

Le misure di medicina complementare possono essere un utile complemento della medicina tradizionale. Alla loro base c’è una visione olistica dell’essere umano.

Per cuore e circolazione: grano saraceno

Piedi gonfi e vene doloranti? La circolazione sanguigna ha bisogno di essere stimolata. Un müesli con grano saraceno ha un effetto lenitivo.

Temi con questo articolo

Erboristeria

20 Articolo

La nostra sponsorizzazione

11 Articolo