Panoramica

Rimpatrio di familiari dall’estero

Idealmente, un familiare ricoverato all’estero riceve assistenza medica nell’ospedale locale fino a quando è in grado di affrontare un viaggio. La decisione in merito a un rimpatrio anticipato viene presa dal medico curante coinvolgendo la centrale per le chiamate d’emergenza Helsana.

Se si verifica un'emergenza medica all'estero, le prime cure prestate da un medico di picchetto o in ospedale hanno la priorità assoluta. L'eventuale gravità della malattia o le conseguenze dell'infortunio potrebbero rendere indispensabile una degenza ospedaliera prolungata. Se le circostanze lo richiedono, si può valutare l'ipotesi di un rientro in Svizzera. I fattori determinanti per l'eventuale rimpatrio sono la valutazione dei medici e la trasportabilità del paziente.

Parole chiave

Prossimi articoli

«Una depressione può colpire come un fulmine a ciel sereno»

Il Professor Florian Holsboer è tra i ricercatori più illustri al mondo specializzati nel campo della depressione. Il chimico e medico ha curato personaggi famosi, tra cui l’ex portiere tedesco Oliver Kahn o il calciatore della nazionale tedesca Sebastian Deisler. Nell’intervista, Holsboer parla dei rischi della depressione, della sua cattiva reputazione e di come riuscire a sconfiggerla.

Preparazione al parto e parto

Le prime contrazioni annunciano che non manca molto alla nascita del bebè. Contro i dolori delle doglie esistono diversi rimedi.

Articoli simili

Helsana

Visite a familiari ammalati all’estero

Una visita a un familiare ricoverato all’estero offre sostegno morale all’ammalato e può accelerare la guarigione.

Interruzione anticipata inattesa del viaggio

Se durante un soggiorno all’estero si verifica un evento grave a casa, è inevitabile rientrare anticipatamente.

Temi con questo articolo

Viaggi all’estero

17 Articolo

La giusta alimentazione

4 Articolo