Panoramica

Partorire all’estero. Chi copre i costi?

Chi desidera partorire all’estero deve informarsi prima sulle tariffe applicate per i servizi di ostetricia e ospedalieri nel relativo paese. A seconda dei casi si devono affrontare costi insolitamente elevati non coperti dall’assicurazione di base svizzera. In caso di parto imprevisto in una situazione di emergenza si ha invece diritto alla copertura assicurativa, che viene garantita solo in caso di riconoscimento del carattere di urgenza.

Geburt im Ausland

All’estero vi vengono rimborsati dall’assicurazione di base esclusivamente i costi per i trattamenti d’emergenza. Se si tratta di un parto normale, ossia entro il termine previsto, non sussiste alcuna emergenza. Fondamentalmente le future mamme dovrebbero programmare un soggiorno all’estero durante la gravidanza in modo che possano tornare in Svizzera in tempo utile per il parto. Anche se si tratta di un parto a termine, una donna incinta che fa un viaggio all’estero poco prima del parto o che si trova all’estero fino al termine previsto, deve mettere in conto che potrebbe partorire all’estero. Per contro vi sono anche parti prematuri imprevisti all’estero considerati parti d’emergenza. Ma non ogni parto prematuro è considerato automaticamente un parto d’emergenza. Se una nascita può essere considerata un parto d’emergenza dipende da vari criteri ed è controllato caso per caso.

Ovviamente sorge spontanea la domanda riguardo a chi sosterrà i costi per l’assistenza medica e le cure durante il parto. In paesi come gli USA, il Brasile o l’Australia i costi ospedalieri possono essere astronomici.

Un parto d’emergenza all’estero

Se soggiornate temporaneamente in un paese UE/AELS, il rimborso in caso di un parto d’emergenza avviene secondo le disposizioni legali (tariffa sociale) del rispettivo paese. Recatevi possibilmente in un ospedale pubblico e presentate la tessera europea di assicurazione malattia (retro dell’HelsanaCard). Il conteggio è inviato direttamente al vostro assicuratore di base. La partecipazione ai costi (aliquota percentuale/franchigia) si basa anche sulle disposizioni del paese in cui si svolge il parto e di regola deve essere pagata in loco. In caso di soggiorno temporaneo all’estero al di fuori di uno stato UE/AELS, l’assicurazione di base risarcisce al massimo il doppio dei costi che Helsana pagherebbe in Svizzera. A seconda del paese, l’assicurazione di base non copre tutti i costi.

Un parto programmato all’estero

L’assicurazione di base non può assumersi alcun costo per un parto all’estero, salvo il caso in cui si tratti di un parto d’emergenza imprevisto. Se doveste decidere, tuttavia, di effettuare un parto programmato all’estero, riceverete un contributo dalle nostre assicurazioni integrative di cura medica.

Parole chiave

Prossimi articoli

Aiuto medico rapido all’estero

In caso di malattia improvvisa o infortunio all’estero occorre mantenere il sangue freddo e adottare le misure giuste.

Un concentrato di virtù: zenzero

La radice esotica, oltre a essere apprezzata dai buongustai, è una vera e propria medicina per la cura di numerosi disturbi.

Articoli simili

Helsana

Costi per parti all’estero

L’assicurazione di base corrisponde contributi solamente per i parti all’estero d’emergenza. Un rientro tempestivo in Svizzera è raccomandabile.

Test di gravidanza con esito positivo

L’inizio di una gravidanza è una cesura nella vita di una donna. Oltre ai sentimenti in subbuglio, sorgono tante domande.

La giusta alimentazione

6 Articolo