Panoramica

«Mi concentro sulle mie bracciate e dimentico la

Christine Heidemann pratica il nuoto tre volte la settimana.

Non riesco a immaginare la vita senza il nuoto. Tre volte la settimana dopo il lavoro entro in acqua, mi concentro sulle mie bracciate e dimentico la quotidianità. E tutto lo stress scivola via. Dato che mi sto allenando per una gara di Ironman nei Caraibi, la vasche percorse a nuoto sono solo una parte dell’allenamento, una importante però. Già da bambina ero nell’associazione di nuoto e ho partecipato a molti campionati, fino a che, a 19 anni, ne ho avuto abbastanza. Poi ho praticato sempre molti sport, provando di tutto, dalla pallacanestro alla danza africana, ma ho ripreso a nuotare solo nel 2005, quando mi stavo preparando per partecipare alla mia prima gara di triathlon.

Ho trovato sorprendente e anche incoraggiante la facilità con la quale ho ritrovato il giusto ritmo dopo tanti anni. Ma come da bambina, ancora oggi mi entusiasma il senso liberatorio che conferisce il fatto di scivolare sull’acqua. A volte devo sforzarmi un po’ per entrare in piscina. In compenso dopo mi sento ancora meglio e sono fiera di me. Mi sento per contro veramente scombussolata se per qualche giorno non vado a nuotare. Questo allenamento ha effetti positivi sull’umore e sulla forma fisica. Ho la sensazione che grazie al nuoto riesca ad affrontare la vita con un atteggiamento più determinato e sicuro. Per altro, chi pensa che sia uno sport solitario si sbaglia notevolmente.

Lungo il bordo della piscina ho già conosciuto molte persone interessanti.

Fonte: Senso 2012

Parole chiave

Prossimi articoli

Come affrontare le depressioni dopo il parto

Le depressioni post parto sono una reazione alle tante sollecitazioni di gravidanza e parto. E non devono essere ignorate.

Possibilità di trattamento delle depressioni

Di regola una depressione è associata a una significativa erosione della qualità della vita. Ma il trattamento giusto aiuta a uscire dal tunnel.

Articoli simili

Helsana

Caduta a La Pineda

Le vacanze sono il periodo più bello dell’anno. Tanto peggio dunque se un infortunio o una malattia all’estero mandano all’aria tutti i piani. Per evitare di dover pagare migliaia di franchi per i costi di medico, ospedale e rimpatrio, i viaggiatori dovrebbero avere una copertura sufficiente per casi di questo genere. Beatrice Ammann, Werner Seiler e Maya Muraro raccontano cosa è successo loro all’estero e come sono stati aiutati.

Helsana

In pericolo di vita a Ko Samui

Le vacanze sono il periodo più bello dell’anno. Tanto peggio dunque se un infortunio o una malattia all’estero mandano all’aria tutti i piani. Per evitare di dover pagare migliaia di franchi per i costi di medico, ospedale e rimpatrio, i viaggiatori dovrebbero avere una copertura sufficiente per casi di questo genere. Beatrice Ammann, Werner Seiler e Maya Muraro raccontano cosa è successo loro all’estero e come sono stati aiutati.

Il nostro impegno per il vostro equilibrio

23 Articolo