Panoramica

Durante la corsa scaturiscono idee

Da anni Alexandra Hunziker fa jogging due volte alla settimana, quasi sempre di mattina presto. Ci racconta come si sente.

La voglia di correre mi è venuta 12 anni fa a San Francisco. Là vedevo persone che facevano jogging dappertutto e anch’io ho sentito il bisogno di muovermi. Da allora metto le scarpe da corsa due volte la settimana. Di regola faccio jogging dalle 7 alle 7.30, quando mio marito è ancora a casa e bada ai bambini. Corro ogni qualvolta ho la sensazione di dovermi sfogare oppure di avere bisogno di un po’ di tempo per me stessa. Per questo corro volentieri da sola. A volte prendo con me la bambina piccola con il passeggino oppure la sua sorellina di sei anni mi accompagna con la bicicletta. È incredibile quante idee scaturiscono durante la corsa. Spesso sviluppo idee relative al lavoro mentre corro attraverso il Rieterpark o lungo la riva del Lago di Zurigo. Esco a correre anche con vento e pioggia e particolarmente volentieri in inverno. Forse ho ereditato questa tendenza da mia nonna, che veniva dalla gelida Russia. Porto le scarpe da corsa con me anche quando vado in viaggio. Dalla gente del posto mi faccio consigliare parchi e percorsi e in questo modo imparo a conoscere città straniere da un altro punto di vista.

Grazie al jogging praticato due volte la settimana mi sento molto equilibrata e in forma. Da 12 anni a questa parte non sono praticamente mai stata malata. Non sono particolarmente veloce, per contro ho molta resistenza. Un sogno è quello di partecipare una volta a una corsa di montagna.

Ma prima mi iscriverò con la mia bambina più grande al percorso per madri e figli della Corsa di San Silvestro a Zurigo. Mia figlia vede come questo sport mi rende allegra e vuole a sua volta fare jogging.

Fonte: Senso 2012

Parole chiave

Prossimi articoli

Sicurezza per i soggiorni lunghi all’estero

Chi pianifica un soggiorno lungo all’estero deve informarsi anche sul sistema sanitario e su altre caratteristiche del paese di destinazione.

Urgenza sull’isola di Lesbo

Le vacanze sono il periodo più bello dell’anno. Tanto peggio dunque se un infortunio o una malattia all’estero mandano all’aria tutti i piani. Per evitare di dover pagare migliaia di franchi per i costi di medico, ospedale e rimpatrio, i viaggiatori dovrebbero avere una copertura sufficiente per casi di questo genere. Beatrice Ammann, Werner Seiler e Maya Muraro raccontano cosa è successo loro all’estero e come sono stati aiutati.

Articoli simili

Movimento

Muoversi spesso ha molteplici vantaggi: fate qualcosa per la vostra salute e rafforzate il vostro sistema immunitario.

Walking e running

Walking, nordic walking e running sono facili da imparare e si possono praticare pressoché ovunque.

La giusta alimentazione

4 Articolo