Panoramica

Del tempo piacevole trascorso con i residenti del centro per anziani Limmat

A giugno e settembre i collaboratori hanno portato il buonumore agli anziani e a persone con disturbi mentali.

Tutti riuscirebbero a fare una passeggiata fino al parco? Il tragitto che separa il centro per anziani Limmat dallo Josefwiese non è particolarmente lungo per i collaboratori di Helsana. Ma per molti tra i più anziani del centro non è esattamente una passeggiata, anche per il caldo. «I bratwurst e l’insalata di patate ce li dobbiamo guadagnare», dice sorridendo una residente del centro di 86 anni mentre attraversa con attenzione i binari del tram con il suo girello. Ad aiutarla c’è una collaboratrice di Helsana. Trascorreranno le prossime ore insieme. È stato il caso a farle incontrare, si conoscono solo da cinque minuti, si sono viste all’ingresso del centro per anziani Limmat di Zurigo. Più di 25 collaboratori di Helsana hanno fatto lo stesso con altrettanti anziani. Erano tutti un pochino emozionati. Chi avrebbero conosciuto? E come sarebbe stata la grigliata insieme?

A piedi, con l’aiuto del girello o della sedia a rotelle, gli anziani e i collaboratori di Helsana, a coppie, si sono incamminati verso lo Josefwiese, per la grigliata. Una volta arrivate, le coppie erano già affiatate. Gli anziani amano le gite di gruppo. Si tratta di occasioni rare perché solitamente il numero di accompagnatori non è sufficiente. Ma adesso, sono seduti ai tavoli e si godono la compagnia dei numerosi volontari di Helsana: giovani e meno giovani parlano tra di loro, mangiano, ridono, giocano e si raccontano aneddoti.

Il pomeriggio è un arricchimento per tutti. Dopo aver trascorso ore piacevoli insieme, una volta tornati al centro, è giunta l’ora di salutarsi come buoni e vecchi amici. Gli incontri sono preziosi e l’evento è stato un grande successo. Ovviamente l’anno prossimo si ripeterà.

L’impegno per le persone con disabilità mentali

Dipingere i visi dei bambini, vendere caffè e torte, aiutare allo stand delle bevande: al Balmtag di Rapperswil-Jona i collaboratori si sono resi utili per sostenere la fondazione Balm. La fondazione aiuta e segue persone con disabilità mentali affinché possano condurre una vita che sia il più indipendente possibile. Con offerte in ambiti diversi, la fondazione Balm affronta le esigenze individuali delle persone con disabilità. La fondazione organizza il Balmtag ogni anno all’inizio di settembre.

In questa occasione si festeggia la diversità in tutte le sue sfaccettature: prodotti autorealizzati e mercatino, giochi, cibi e bevande, ma anche accompagnamento musicale.

È una giornata che non si dimentica. Sonja Wehrle, collaboratrice di Helsana, per motivi personali ha forti relazioni con persone che presentano disabilità. E questo l’ha spinta a dare un contributo al Balmtag. La giornata è iniziata benissimo: un residente l’ha accolta e salutata dicendo: «Che bello che sei qui! Mi fa molto piacere. Vieni, ti faccio vedere tutto!» È stata una visita guidata personale e allegra che non dimenticherà mai. «L’anno prossimo ci sarò di nuovo, di sicuro.»

Simon Grossenbacher ha partecipato l’anno scorso al Balmtag come visitatore, ma quest’anno voleva partecipare da volontario. È meraviglioso ciò che i residenti e gli operatori di questa fondazione sono riusciti a fare. «Questa occasione è ottima per staccare dal lavoro di tutti i giorni. Ti fa capire ancora una volta quali sono le cose davvero importanti nella vita.»

Rosemarie Schmid è volontaria da anni ed è registrata come «Swissvolunteer». È felice quando aiuta gli altri. Dedicarsi agli altri è divertente e permette di conoscere nuove persone. Conosce la fondazione perché ci vive la figlia di un conoscente. Rosemarie Schmid si è occupata del truccabimbi. «È stata una bella sfida. È andata meglio un bambino dopo l’altro, ed erano incredibilmente felici!»

Volontariato al Grand Prix di Berna

I collaboratori Helsana hanno accompagnato gli atleti delle Special Olympics al Grand Prix di Berna.

Assicurati in modo ottimale

8 Articolo