Panoramica

Due Avatar per l’ospedale cantonale di Aarau

Dopo l’ospedale pediatrico di Zurigo, ora anche l’ospedale cantonale di Aarau è dotato per la prima volta di due Avatar. Poco prima di Natale, Helsana ha consegnato i due robot al professore Henrik Köhler nell’ambito del suo impegno sociale.

Dall’inizio del 2016, Helsana sostiene il progetto Avatar. Dopo il successo del lancio dell’iniziativa il 1° novembre all’ospedale pediatrico di Zurigo, ora anche l’ospedale cantonale di Aarau impiega due piccoli robot Avatar per i bambini e i ragazzi affetti da malattie gravi. «Metteremo l’Avatar a disposizione dei bambini che devono restare a lungo in ospedale. Si tratta perlopiù di malati di cancro o di giovani con disturbi alimentari», ha spiegato il professor Köhler in occasione della consegna. Grazie all’Avatar, nonostante la malattia i bambini possono rimanere in contatto con la scuola e partecipare alle lezioni. Il professor Henrik Köhler si rallegra di questo aiuto innovativo nella vita dei giovani pazienti della sua clinica pediatrica. Grazie alla donazione può permettere loro di vivere un po’ di normalità. Presente alla cerimonia di consegna era anche Jean Christophe Gostanian, amministratore di Avatarion Technology di Zurigo, la società che ha sviluppato l’Avatar: «Gli Avatar devono essere utilizzati a pieno ritmo per consentire a quanti più bambini malati possibile di beneficiare del progetto.»

Parole chiave

Prossimi articoli

Diabete di tipo 1: conseguenze importanti

Il diabete di tipo 1 cambia la vita in molti modi. E rende inevitabili terapie insuliniche regolari.

Diabete gestazionale: niente paura

La diagnosi di diabete in gravidanza suscita paure. Ma nella maggior parte dei casi sono fuori luogo.

Articoli simili

Prima consegna degli Avatar all’ospedale pediatrico

Con grande piacere il professor Felix Niggli del reparto di oncologia dell’ospedale pediatrico di Zurigo ha preso in consegna da Helsana due robot Avatar.

L’avatar Nao in azione alla Energy Star Night

Il robot avatar Nao ha consentito a una bambina di otto anni, Timea, di assistere alla Energy Star Night. E con la sua danza ha entusiasmato la folla dell’Hallenstadion diventando la vera star della serata.

Temi con questo articolo

Attività di­ sponsorizzazione

17 Articolo

La giusta alimentazione

6 Articolo