Panoramica

Dove trova aiuto chi è in crisi

Nella Clienia Privatklinik Schlössli a Oetwil am See (ZH) le persone che attraversano crisi personali e psicologiche ricevono l’aiuto di cui hanno bisogno. Una visita al reparto di malattie da stress e psicosomatica offre alcune impressioni sulle attività quotidiane qui svolte.

Titelbild Story Schlössli

Allo Schlössli molte sono le attività svolte in squadra: Mariann Ring, caporeparto Cure, e Arbenit Morina, operatore sociosanitario apprendista, mentre organizzano la giornata di lavoro.

Nel reparto privato di malattie da stress e psicosomatica il personale infermieristico ha appena terminato il turno di notte e i colleghi del servizio diurno sono pronti a dare il cambio. Mariann Ring, caporeparto Cure alla clinica Schlössli, discute con Arbenit Morina, un operatore sociosanitario apprendista, dell’ordine del giorno. Le stanze del reparto sono luminose e le finestre offrono un’ampia vista sulla natura. I tavolini e le comode poltroncine invitano a soffermarsi, quasi come in un salottino d’albergo. «Per noi è importante ricreare una certa normalità. I nostri pazienti devono potersi sentire a proprio agio», spiega Mariann Ring. Anche l’ambiente armonioso e curato nel minimo dettaglio come pure i servizi alberghieri e gastronomici rendono altrettanto gradevole il soggiorno in questa struttura. «La clinica è un luogo in cui chi attraversa una crisi personale e psicologica riceve un trattamento personalizzato e completo e un’assistenza continua in un’atmosfera di fiducia reciproca», sottolinea Ring. Ogni paziente viene assistito dall’ingresso fino alle dimissioni dalla clinica dallo stesso team, costituito da un medico o psicologo specialista e da un infermiere. Altrettanto importante è lo scambio interdisciplinare. «Controlliamo costantemente insieme al paziente se il programma terapeutico è adatto alla sua attuale situazione o se può essere ottimizzato.» Per farlo, lo Schlössli non ricorre solo alla psicoterapia, ai medicamenti e ai rimedi fitoterapici, ma anche al movimento e all’attività fisica, cui vanno ad aggiungersi momenti di relax e terapie ricreative e orientate al corpo. «Per fornire un’assistenza personalizzata è molto importante poter adottare terapie diversificate e pluridisciplinari», afferma. Dopodiché si avvia verso la sala della terapia di gruppo del reparto, dove per i prossimi sessanta minuti terrà una seduta di «terapia per la riduzione dello stress» con dodici pazienti.

Gli occhi tornano a brillare

Il reparto privato è accogliente e invitante. Qui si incrociano continuamente collaboratori e pazienti che tra una terapia e l’altra si incontrano e si soffermano a parlare. «Proprio qui i pazienti compiono molto spesso grandi progressi», rivela lo psicologo clinico Severin Stadtmann. «All’inizio sono tutti riservati e scettici e vorrebbero che la degenza stazionaria durasse il meno possibile», racconta. Si sentono tormentati dal pensiero di non essere riusciti da soli a superare i propri problemi e che per questo sono finiti allo Schlössi. «Ma poi, generalmente dopo poco tempo, capiscono che qui ricevono aiuto», prosegue Stadtmann. «Si accorgono che i loro conflitti interiori iniziano a risolversi e a vedere nel soggiorno un’opportunità.» Ad accorgersi di questi grandi cambiamenti nei pazienti è spesso l’apprendista Arbenit Morina. «L’espressione del loro volto quando vengono dimessi è completamente diversa da quella che avevano al loro ricovero e gli occhi tornano a brillare.»

Testo: Julia Dieziger

Parole chiave

Prossimi articoli

«Fa’ che non diventi cieco!»

Mamma, devo tornare di nuovo in ospedale? Una domanda piuttosto insolita per un bambino di dodici anni. Ma da quando ha avuto l’incidente, Mattia è diventato sensibile. Bastano piccole ferite nella vita quotidiana che già comincia a temere il peggio. Una freccia non gli ha fatto perdere solo l’uso di un occhio, ma anche la fiducia.

Situazioni a rischio di infortunio pediatrico

Sensibilizzare i bambini ai pericoli aiuta a ridurre il rischio di infortuni durante il gioco, in casa o nel traffico.

Articoli simili

Helsana

Caduta a La Pineda

Le vacanze sono il periodo più bello dell’anno. Tanto peggio dunque se un infortunio o una malattia all’estero mandano all’aria tutti i piani. Per evitare di dover pagare migliaia di franchi per i costi di medico, ospedale e rimpatrio, i viaggiatori dovrebbero avere una copertura sufficiente per casi di questo genere. Beatrice Ammann, Werner Seiler e Maya Muraro raccontano cosa è successo loro all’estero e come sono stati aiutati.

Helsana

In pericolo di vita a Ko Samui

Le vacanze sono il periodo più bello dell’anno. Tanto peggio dunque se un infortunio o una malattia all’estero mandano all’aria tutti i piani. Per evitare di dover pagare migliaia di franchi per i costi di medico, ospedale e rimpatrio, i viaggiatori dovrebbero avere una copertura sufficiente per casi di questo genere. Beatrice Ammann, Werner Seiler e Maya Muraro raccontano cosa è successo loro all’estero e come sono stati aiutati.

Temi con questo articolo

Salute psichica

17 Articolo

La giusta alimentazione

6 Articolo