Vitamina D – le informazioni principali

La vitamina D, detta anche vitamina od ormone del sole, è fondamentale per la salute delle ossa e lo sviluppo muscolare e regola gli ormoni della felicità. Tuttavia, non vi è unanimità nel determinare da che punto in poi vi sia una carenza e in che casi siano utili dei preparati.

23.08.2021 Lara Brunner 3 minuti

L’organismo stesso produce vitamina D. Ecco perché non si parla in realtà di una vitamina, bensì di un ormone. Le forme più importanti sono la vitamina D2 (ergocalciferolo) e la vitamina D3 (colecalciferolo).

Quali effetti ha la vitamina D nell’organismo?

La vitamina D favorisce l’assorbimento di calcio e fosforo nell’intestino. Essa regola quindi l’assunzione di minerali e il livello di calcio nel sangue. Inoltre, aiuta lo sviluppo muscolare e la formazione di ossa e denti e rinforza il sistema immunitario. E, non da ultimo, contribuisce al nostro benessere psichico. Regola i neurotrasmettitori serotonina, dopamina e noradrenalina. Questi ormoni della felicità influenzano il nostro umore.

Produzione e assunzione di vitamina D

Dall’80 al 90% della vitamina D nell’organismo viene sintetizzato con l’aiuto della luce solare attraverso la pelle. I raggi UVB innescano la formazione di vitamina D3. Questa attraverso il sangue raggiunge il fegato e i reni, dove viene sintetizzata la vitamina D (calcitriolo). Da 20 a 30 minuti di esposizione quotidiana al sole fornirà una produzione adeguata di vitamina D.

I filtri solari a partire da un fattore di protezione 20 bloccano i raggi UVB impedendo così la formazione di vitamina D. Anche in inverno la produzione propria da parte dell’organismo cala, poiché il sole splende solo per poche ore e i raggi UV non sono più così intensi.

Per quanto riguarda l’assunzione di vitamina D, l’alimentazione svolge soltanto un ruolo secondario: dal 10 al 20% della vitamina D viene assunta dall’organismo attraverso l’alimentazione. I fornitori di vitamina D sono soprattutto gli alimenti di origine animale. Anche alcuni prodotti di origine vegetale possiedono un alto contenuto di vitamina D.

Alimenti ricchi di vitamina D:

  • anguilla
  • aringa
  • trota
  • salmone
  • ostrica
  • tonno
  • avocado
  • porcini
  • uova
  • champignon

Il fabbisogno giornaliero di vitamina D

Il fabbisogno giornaliero si differenzia a seconda del gruppo d’età:

  • lattanti fino a 1 anno: 10 microgrammi
  • persone da 1 a 60 anni: 15 microgrammi
  • persone oltre i 60 anni: 20 microgrammi

Ad esempio, 15 microgrammi di vitamina D sono contenuti in 180 grammi di salmone selvaggio, 515 grammi di uova di gallina crude, che corrispondono a circa nove uova medie, oppure 485 grammi di funghi porcini freschi.

Quando vi è una carenza di vitamina D?

Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), vi è una carenza di vitamina D se il livello di 25-idrossivitamina D nel sangue è inferiore a 50 nanomoli per litro di siero. Si parla di carenza grave se il valore è inferiore a 25 nmol/L.

Gli esperti non sono però unanimi nel determinare da che punto in poi vi sia una carenza di vitamina D. Di conseguenza, tali valori devono essere interpretati con cautela. Alcuni specialisti ritengono addirittura che la frequenza delle carenze venga sistematicamente sovrastimata. Infatti, il valore di riferimento di 50 nmol/L rappresenterebbe una media annuale. In estate, il corpo è in grado di immagazzinare una certa quantità di vitamina D sufficiente per affrontare poi l’inverno.

Quando è necessario effettuare un test per la vitamina D?

Non vi sono evidenze che confermino che la determinazione di routine del livello di vitamina D in ampie fasce della popolazione sia effettivamente utile. Per questo motivo, l’UFSP non consiglia di fare prevenzione con test su larga scala e ritiene inoltre che, nella maggior parte dei casi, nemmeno nel quadro dell’assunzione di integratori sia necessaria una determinazione preventiva dei livelli di vitamina D, a condizione che non si superi la dose raccomandata di 600 UI per gli adulti e di 800 UI per le persone dai 60 anni in su. Tale raccomandazione è supportata dalla letteratura medica ufficialmente riconosciuta. Un test è considerato utile solo per i gruppi a rischio, i quali comprendono, tra gli altri, le donne in gravidanza, i neonati, le persone più anziane che soffrono di osteoporosi o fratture e i pazienti con malattie renali ed epatiche croniche.

Quanto è utile l’impiego di preparati di vitamina D?

I preparati di vitamina D sono disponibili in diversi formati come pastiglie, capsule, gocce e alimenti arricchiti.

Anche se non appartenete a un gruppo di rischio o non vi è stata diagnosticata una carenza di vitamina D, se avete il sospetto che soffriate di una tale mancanza potete assumerli tranquillamente. Fate però attenzione a non superare la dose giornaliera consigliata di 600 UI o 15 µg per gli adulti e di 800 UI o 20 µg per le persone dai 60 anni in su. Tuttavia, quanto sia effettivamente utile in questi casi l’assunzione di preparati di vitamina D resta una questione controversa. Numerosi studi medici hanno dimostrato che l’assunzione di tali preparati non ha alcuna influenza sul rischio di soffrire di malattie cardiovascolari, tumori, fratture o depressione. 

Buono a sapersi

Finora, nessuno studio è stato in grado di dimostrare un vero nesso causale tra livelli di vitamina D e gravità del decorso del Covid-19.

In caso di diagnosi di grave carenza di vitamina D, l’assunzione e il dosaggio di preparati vanno concordati con il medico.

È possibile un sovradosaggio di vitamina D?

Solo un’assunzione eccessiva di integratori può far aumentare troppo il livello di vitamina D. La conseguenza è una concentrazione troppo elevata di calcio nel sangue, la quale si manifesta attraverso una sensazione di debolezza generale, mal di testa o disturbi del ritmo cardiaco. In casi gravi, un sovradosaggio può causare calcoli e insufficienza renale. Pertanto, si deve evitare l’assunzione contemporanea di più preparati di vitamina D. 

Continua a leggere

Jogging invernale: i consigli fondamentali
Jogging anche se fa freddo? Scoprite qui i nostri consigli per praticare il jogging invernale.
15 febbraio 2021

I fatti principali sulle scottature solari
Cosa causa una scottatura solare? Come fare per proteggersi? E quali rimedi casalinghi aiutano contro i disturbi? Le risposte sono riportate qui.
20 luglio 2021

Temi

Sostanze nutritive

Newsletter

Avrete la possibilità di approfondire le vostre conoscenze su temi attuali legati alla salute e riceverete tutte le informazioni sulle nostre interessanti offerte comodamente tramite e-mail. Abbonatevi gratuitamente alla nostra Newsletter:

Inviare

Grazie della registrazione.
Le abbiamo appena inviato un’e-mail con un link di conferma su cui cliccare per concludere la registrazione.

Purtroppo qualcosa non ha funzionato.

I suoi dati non sono stati trasmessi. Voglia riprovare più tardi o contatti il nostro Servizio clienti al numero 0844 80 81 82.