Settembre 2015

Studio medico per famiglie

Una famiglia si aspetta molto dal suo medico di base: un trattamento di alta qualità a costi bassi, assistenza umana e raggiungibilità 24 ore su 24. L’esempio dello studio Pilatus a Lucerna mostra come il modello medico di famiglia soddisfi tali esigenze.

Gruppenpraxis-Pilatus-Beitrag-2

Studio medico Pilatus, Luzern

Chi entra nello studio si sente subito come a casa sua: la reception assomiglia all’ingresso di un appartamento privato. Dal bancone arriva il cordiale saluto delle assistenti. La luce del sole penetra dalle finestre illuminando il chiaro parquet. Al guardaroba sono appese delle giacche per bambini rosse e verdi e in basso alcuni giocattoli aspettano i loro nuovi proprietari. Dietro a una parete di vetro, in mezzo alla sala d’attesa, una specie di enorme bottega per bambini offre ai piccini libri e giocattoli. Qui sembra che l’angolo dedicato ai bambini sia posto al centro, proprio come lo sono i bambini in seno alla propria famiglia quando vengono al mondo. Per il giovane medico di famiglia Reto Kummer, la parola «centro» è importante per tre motivi: «primo, la medicina di famiglia è qui da noi al centro; secondo, ci consideriamo come un piccolo centro nel quale siamo in grado di coprire diverse discipline e terzo, ci troviamo al centro di Lucerna.» Le discipline praticate nello studio sono medicina interna generale, ginecologia e pediatria.

Reto Kummer è uno dei diciassette medici dello studio per famiglie. Le sale da visita dei ginecologi e dei pediatri sono porta a porta e ognuna ha scaffali, tavoli e sedie di color sabbia. Sui 900 metri quadrati, distribuiti su due piani si trovano i locali adibiti a laboratorio, farmacia, esami radiologici ed ecografici, un reparto letti per i trattamenti ambulatoriali e una stanza per l’elettrocardiogramma.

Dal nonno al nipote

Inaugurato nel 2002, lo studio Pilatus è una società anonima e funziona bene, stando a Kummer, anche perché è indipendente. «Ciò ci consente di acquistare gli apparecchi più moderni senza doverlo chiedere prima a qualcuno.» Lo studio ha all’attivo circa 10 000 pazienti, la metà dei quali circa vengono come famiglie. Ed è proprio a essere in linea con la filosofia dello studio. «Vogliamo accompagnare l’intero ciclo di vita del paziente, dalla nascita fino al termine della vita – dichiara Kummer – ovvero da una generazione all’altra.» Che questa non sia solo una mera dichiarazione di intenti lo dimostra l’esempio concreto di una famiglia numerosa: i suoi 20 componenti circa – genitori, figlie, generi e nipoti – si fanno curare qui, molti di loro dallo stesso Reto Kummer. I vantaggi sono evidenti: il medico conosce le risorse di una famiglia o intravede i nessi tra le anamnesi.

Premi più convenienti grazie al coordinamento

Nello studio Pilatus sono soprattutto i pazienti che hanno stipulato un modello medico di famiglia a trarre benefici: qui trovano sempre un interlocutore fisso per tutti i problemi di salute. Prima di ogni trattamento devono rivolgersi al proprio medico di famiglia. Questo è quanto previsto dal modello alternativo d’assicurazione. Il medico coordina i loro trattamenti, anche quelli presso gli specialisti con cui collabora lo studio. I contatti tra medici, terapisti e ospedali sono fondamentali nel modello medico di famiglia. In tale contesto rientra anche l’interconnessione elettronica. Lo studio Pilatus scambia informazioni online con l’ospedale cantonale di Lucerna, il che consente allo studio di accedere alle diagnosi, ai valori di laboratorio, alle radiografie o ai medicamenti più recenti dei suoi pazienti. Il coordinamento di tutti i trattamenti gli permette anche di mantenere la situazione sotto controllo. I trattamenti sono quindi più sicuri e si verificano meno controlli o esami doppi. Questa pratica consente di risparmiare sui costi, il che permette a sua volta di concedere ai nostri clienti sconti sui premi.

Un ulteriore vantaggio del modello medico di famiglia è la raggiungibilità: in caso di emergenza il medico viene a casa, 365 giorni all’anno, 24 ore su 24. Lo studio Pilatus è, inoltre, aperto durante la settimana fino alle ore 18, mercoledì fino alle ore 19 e sabato mattina, cosa molto comoda per chi lavora. Altrettanto importante è che qui i medici si prendono tempo per loro. «Non dedichiamo al paziente i soliti 5 o 10 minuti», sottolinea Kummer.

Il successo dello studio, che ultimamente si è ampliato aggiungendo il piano superiore, si nota dal basso tasso di avvicendamento del personale e dei pazienti. Questi ultimi non temono neanche le lunghe distanze, indipendentemente che arrivino da Rotkreuz, Dagmersellen o addirittura da Altdorf, che dista ben 40 chilometri.

Testo: Daniela Diener