Prevenzione

Gestione del tempo in famiglia

Negli ultimi anni la nostra quotidianità è diventata più stressante. Chi tuttavia crede di potere ovviare allo stress in famiglia con un'accurata gestione del tempo, nella maggior parte dei casi si crea una condizione di ulteriore stress. Infatti, la quotidianità familiare può essere pianificata solo fino a un certo punto.

Ciononostante, è possibile applicare anche in famiglia i noti principi di gestione legati alla realtà lavorativa. Un'importante questione di fondo è la seguente: quali sono gli aspetti importanti e quali non lo sono per noi quale famiglia?

Che cos'è importante per noi?

Un noto principio di gestione del tempo è la distinzione tra cosa è importante e cosa è urgente. Nella quotidianità familiare sono importanti e allo stesso tempo urgenti ad esempio le malattie dei bambini o i litigi con il partner. Non sono invece urgenti, ma di sicuro importanti il lavoro sul rapporto, il dialogo all'interno della coppia e il necessario riposo. Le interruzioni, le telefonate, una partita di calcio in televisione non sono (sempre) importanti, ma urgenti sì. Non sono né importanti né urgenti ad esempio la lettura di una rivista patinata o navigare in Internet.

Quante cose facciamo semplicemente per abitudine o perché dobbiamo veramente farle? È importante per noi avere un giardino curato? È fondamentale avere l'appartamento lucidato a nuovo quando viene a trovarci la suocera? Facciamo le cose soltanto perché non sappiamo dire di no? Una buona risposta standard quando ci chiedono di collaborare in un compito può essere: «Ne parlerò con mia moglie / mio marito.» Insieme, si potrà poi decidere se per la famiglia è importante accettare o rifiutare.

Dire addio al perfezionismo

Essere perfetti al lavoro, perfetti nell'economia domestica e al contempo anche una super mamma o un super papà non può funzionare a lungo termine senza che ci si logori. Per riuscire a contrastare la crescente mancanza di tempo e imparare a gestire più serenamente la quotidianità familiare, è necessario abbassare l'asticella delle proprie aspettative. Il lavoro all'interno della famiglia non finisce mai. Una volta che si è fatto del proprio meglio in base alle circostanze occorre dedicarsi ad altro. Solo in questo modo è possibile trovare il tempo da consacrare alle cose importanti, ma non urgenti, come ad esempio fare una passeggiata serale insieme.

Alleggerirsi dal carico di lavoro

Nelle famiglie di oggi spesso si dà per scontato che i lavori domestici e l'educazione dei figli devono essere effettuate personalmente. Alcune persone trovano spiacevole avere qualcuno che lavori per loro. Tuttavia, fino alla prima metà del secolo scorso si trattava di una prassi abituale. Occupare personale domestico e una tata per i bambini non era così inusuale. Anche oggi bisognerebbe riflettere seriamente sui lavori da delegare, ad esempio ai bambini, che possono svolgere un piccolo compito domestico, ma anche a una mamma diurna, a un aiuto domestico, a una donna delle pulizie o a un giardiniere. Alcuni cantoni offrono servizi di sostegno alle famiglie e in diverse aziende i collaboratori possono usufruire di prestazioni di servizio per le famiglie. Informatevi presso il vostro datore di lavoro oppure nel vostro comune o cantone.

Helsana sostiene i genitori che svolgono un'attività lucrativa e le famiglie monoparentali con KidsCare. In caso di malattia acuta o infortunio di un bambino potete chiamare in qualsiasi momento il numero d'emergenza e in poco tempo una persona qualificata ed esperta si recherà sul posto, si prenderà cura di vostro figlio e gli somministrerà, se necessario, i farmaci prescritti.